Testimonianze: l’Adorazione Eucaristica salva anime e vite umane, perchè è “abitare nel Cuore di Gesù”

In un’intervista a Radio Maria Argentina, il sacerdote messicano padre Patricio Hileman ha riferito un fatto sconvolgente avvenuto nel 2013 nella violenta città Ciudad Juárez, situata alla frontiera tra Messico e Stati Uniti.

“QUANDO IN UNA PARROCCHIA SI ADORA DIO GIORNO E NOTTE, LA CITTA’ SI TRASFORMA”, ha detto Padre Hileman.

La città era in stato d’assedio per via della lotta sanguinosa tra le fazioni del narcotraffico, in particolare i cartelli di Juárez e Sinaloa, quest’ultimo guidato dal famigerato Joaquín “el Chapo” Guzmán Loera. Padre Hileman ricorda che i parroci della città si lamentavano che anche molti membri della Polizia si erano venduti ai narcotrafficanti e li aiutavano a portare la droga negli USA: vi era continua lotta per la supremazia sulla città tra le due fazioni, uccidendo persone innocenti e privandole delle loro case. 

In uno scenario di estrema violenza, con un tasso di almeno 40 omicidi quotidiani, uno dei parroci, disperato, disse “SOLO GESU’ può salvarci da tutto questo, solo Gesù può darci sicurezza”: fu così che il parroco chiese con urgenza che venisse aperta una cappella di Adorazione Perpetua. Sono stati sufficienti tre giorni per mettere in pratica l’iniziativa.

In quello stesso anno, avvenne questo episodio: una donna si dirigeva alla cappella alle tre del mattino per il suo turno di Ora Santa quando sei soldati l’hanno fermata, hanno messo in discussione la sua presenza in strada a quell’ora e hanno dubitato che si stesse davvero recando in una chiesa,  vista l’ora.

La donna li ha invitati ad accompagnarla. Quando sono arrivati alla cappella, i soldati sono rimasti a bocca aperta trovando altre sei donne impegnate nell’Adorazione Eucaristica alle tre del mattino, e si sono stupiti ancor di più quando hanno sentito una di loro dire: “Pensate di proteggerci? Noi preghiamo per voi 24 ore al giorno”.

Uno dei soldati, tenendo in mano l’arma, ha iniziato a piangere e si è inginocchiato davanti al Santissimo Sacramento. Alle tre del giorno seguente, lo stesso soldato, vestito in borghese, era in ginocchio nella cappella a fare la sua Ora Santa davanti al Santissimo Sacramento dell’Eucaristia, “versando fiumi di lacrime”.

Ciudad Juárez sta sperimentando una notevole diminuzione dei tassi di omicidio. Fino al 2010 la città appariva spesso nella lista delle 10 città più violente del mondo, mentre negli ultimi anni è uscita da quell’elenco e occupa posizioni migliori di varie città del cosiddetto “Primo Mondo”, come le statunitensi Baltimora e New Orleans. Il numero di omicidi a Ciudad Juárez è ancora elevato e continua a richiedere gli sforzi del Governo e molte preghiere da parte dei cristiani, ma è passato dai 3.766 del 2010 ai 256 del 2015.

Dio ci chiede sempre di fare la nostra parte, e tra le varie misure adottate per superare la violenza in questa città del nord del Messico, l’Adorazione Eucaristica Perpetua si è dimostrata un’arma potentissima nella lotta per il bene e per la pace.

LA FEDE DI UN BAMBINO IN GESU’ EUCARISTIA CAMBIA LA VITA DEI GENITORIc24aw3bwgauk4rb

Padre Patricio Hileman, incaricato di formare gruppi di Adorazione Eucaristica Perpetua in America latina, ha condiviso anche la testimonianza di Diego, un bambino di 8 anni, la cui fede ha trasformato la realtà della sua famiglia, segnata da problemi di povertà, violenza e alcolismo. 

Il fatto è accaduto a Merida, capitale dello Stato dello Yucatan in Messico, nella prima settimana di Adorazione Eucaristica stabilita dai Missionari di Nostra Signora del Santissimo Sacramento. Padre Hileman spiegò nelle sue omelie che Gesù chiama i Suoi amici alla Ora Santa e che chi sta sveglio per adorare il Signore, viene ricompensato 10 volte di più: “Gesù nella notte della Sua Passione, chiese ai Suoi discepoli di vegliare in preghiera con Lui e lo chiese per tre volte”.preghiera-croce4

Le parole del sacerdote risvegliarono in Diego, il bimbo di otto anni, il desiderio di andare in chiesa ad adorare Gesù Sacramento nell’Ora Santa e spiegò a sua madre: “Lo faccio perchè papà smetta di bere e di picchiarti e perchè Dio ci liberi dalla miseria”. Durante la prima settimana, la madre lo accompagnò, poi li accompagnò anche il padre.

“Grazie alla fede di un bambino di otto anni, tutta la famiglia guarì: il padre venne liberato dall’alcolismo, la pace ritornò in famiglia e arrivò anche il lavoro. L’Amore di Gesù attraverso l’Adorazione Eucaristica guarisce le anime e sana i cuori, perchè solo Gesù può donare l’abbraccio  delle anime. L’Adorazione Eucaristica è ABITARE NEL CUORE DI GESU'”. 

L’iniziativa dell’Adorazione Eucaristica perpetua nelle parrocchie in Messico è nata nel 1993 dall’incoraggiamento di S. Giovanni Paolo II, che faceva sei ore di Adorazione Eucaristica al giorno e una volta alla settimana vegliava in preghiera tutta la notte davanti al Santissimo. San Giovanni Paolo II manifestò il suo desiderio che “ogni parrocchia del mondo possa avere una cappella per l’Adorazione Eucaristica perpetua, in cui Gesù è esposto nel Santissimo Sacramento e possa essere solennemente adorato giorno e notte senza interruzione”.

“Viviamo spesso nell’agitazione, giorno e notte: decidere di dedicare tempo per andare ad adorare il Signore e stare in silenzio davanti a Lui, è un dono che migliora se stessi e la qualità della nostra vita, ci dà modo di riflettere e di mettere tutte le cose in mano a Dio. Questo è il segreto dei Santi, la forza della Chiesa: mettere Cristo al centro di tutto e restare uniti a Lui“.

Un’ora alla settimana davanti al Santissimo Sacramento rappresenta un momento prezioso da trascorrere con il Signore, che ci ha detto: “Restate qui e vegliate con Me”. Questo momento di contemplazione eucaristica, che si chiama “L’Ora di Gesù”, ha lo scopo di raccogliere dinanzi al SS. Sacramento il marito e la moglie insieme, perché la famiglia sia veramente “Chiesa domestica”. Non tralasciare questo appuntamento così importante. Rimanendo davanti a Lui in silenzio, scopri il calore della Sua presenza e lo adori con tutto il cuore.
Questo rapporto intimo con Cristo, nel silenzio della contemplazione, riempie il cuore di un amore da donare a tutta l’umanità; è proprio attraverso la adorazione che senti lo slancio di essere strumento di evangelizzazione, affinché tutti gli uomini conoscano e amino Gesù, che ha promesso di restare con noi tutti i giorni, sino alla fine del mondo.

Fonti

https://www.aciprensa.com/noticias/mexico-la-sorprendente-transformacion-de-ciudad-juarez-gracias-a-la-oracion-al-santisimo-51005/

https://www.aciprensa.com/noticias/video-lo-que-logro-un-nino-de-8-anos-que-rezaba-de-madrugada-al-santisimo-te-sorprendera-12722/

Annunci

One thought on “Testimonianze: l’Adorazione Eucaristica salva anime e vite umane, perchè è “abitare nel Cuore di Gesù”

I commenti sono chiusi.