Riti satanici e narcos: uccisa un’ altra adolescente. La lotta dei sacerdoti esorcisti in Messico.

10 febbraio 2017 Nel cortile di una casa in Messico è stato ritrovato il corpo di Jessica Valeria Ramirez, 15 anni, morta dissanguata con un paletto nel suo occhio destro.
I presunti responsabili dell’ omicidio, secondo quanto riporta il portale del Millennio, sarebbero altri tre adolescenti che non hanno ancora raggiunto la maggiore età, per cui le autorità non hanno rivelato la loro identità.
Il cadavere della giovane è stato trovato seminudo e con evidenti brutali segni di violenza, l’autopsia governativa ha confermato che non si è verificato abuso sessuale. L’indagine è stata condotta da un procuratore Specializzato negli Adolescenti, informazioni:
La casa della vittima era vicina al luogo dove la giovane è stata trovata morta. Con il progredire delle indagini,  alcuni segni sul corpo hanno dimostrato che si tratta di un rito satanico. 
Non è un gioco da ragazzi : “si pensa che molte più persone siano coinvolte in pratiche sataniche, oltre ai tre detenuti, anche se le altre persone non hanno partecipato direttamente all’omicidio di Jessica Valeria”.
Non è la prima volta che si presenta una situazione aberrante del genere. Nel mese di marzo 2016, nello stato di Chihuahua un giovane di 24 anni è stato ucciso durante un rito satanico in cui voleva diventare “vampiro” ed essere”immortale”.” Questo crimine si è verificato durante un rito di iniziazione in cui la vittima credeva di poter diventare un vampiro, nella setta satanica chiamata Figli di Baphomet 1 “, ha detto a suo tempo il direttore della polizia ministeriale dello stato di Chihuahua, Pablo Rocha. Il giovane ucciso è stato trovato con i segni di strangolamento e tagli sul collo.
IL SACERDOTE ESORCISTA Padre José Antonio Fortea, esperto in demonologia, ha avvertito che “il vampirismo è una moda che è molto vicino al satanismo.” Questa tendenza, ha detto, “non è solo un gusto per il buio, ma il gusto per il male, unito ad un intero modo estetico di vedere la vita. Il vampirismo si basa interamente sull’ adorazione del diavolo “.

Chihuahua è uno degli stati più colpiti dalla violenza della droga in Messico. La sua città più popolosa, Ciudad Juarez, è stato fino al 2011 considerata la città più violenta del mondo dalla ONG Cittadina del Consiglio messicano per la sicurezza pubblica e la giustizia penale.

In quell’anno, la violenza guidata dal Cartello di Juárez ha causato più di 3.000 morti. 

Padre Fortea ha detto che vi è rapporto tra una società intrisa di violenza e la crescita del satanismo:  Quando una nazione è cristiana e segue i comandamenti e le vie di Dio, i casi di satanismo diminuiscono”.

Il sacerdote spagnolo ha anche spiegato che il satanismo non è raggiunto spontaneamente, ma attraverso un processo di “degrado morale”.

Padre Fortea, che ha coordinato il Grande Esorcismo che si è tenuto nell’Arcidiocesi di San Luis Potosi (Messico) nel maggio del 2015 contro la violenza dei narcos e dell’aborto, ha detto che “l’esecuzione di esorcismi su intere nazioni, secondo la modalità del Grande Esorcismo, mette barriere all’azione del demonio. Ma, purtroppo, l’esorcismo non serve per evitare ciò che è già degradato moralmente e può arrivare ad avvicinarsi al Male per chiedere favori”. I trafficanti di droga chiedono favori per evitare l’arresto, in cambio offrono sacrifici umani. Questo ha aumentato la violenza nel paese.

Culto satanico di Santa Muerte, un grande ingannoRisultati immagini per homicidios satanicos mexico santa muerte

Uno studio pubblicato dalla University of Londes, a Città del Messico, osserva che il culto della Santa Muerte “è apparso in Hidalgo nel 1965” e “si è diffuso”, soprattutto negli stati Guerrero, Veracruz, Campeche, Morelos, Città del Messico, Nuevo Leon, Chihuahua e Tamaulipas.  Già lo scorso anno è stato stimato che il culto della Santa Muerte ha avuto più di 12 milioni di seguaci e l’80% di loro erano messicani. La devozione crescente ha alimentato un vasto sincretismo religioso messicano intriso di radici pagane pre-ispaniche (sacrifici umani nei templi Maya e Aztechi) e di riti magici della Santeria, un culto satanico che vuole sostituire quello cattolico della Santa Vergine di Guadalupe confondendo alcune immagini cattoliche con il culto pagano. In Messico molti santuari della Madonna di Guadalupe vengono spesso colpiti dai vandalismi. 

“Non si può negare che questo culto di Santa muerte è soprattutto seguito dai cartelli della droga messicani, che ritengono che il demone detto Santa Muerte  sia il loro ‘patrono’ e che dia loro la protezione”, ha detto l’anno scorso il ricercatore presso l’Università della Virginia, Andrew Chesnut, al giornale Tabasco Hoy.
La convinzione è che, attraverso i sacrifici umani e animali, queste divinità pagane offrano favori ai criminali. Dal 2005 il Ministero degli Interni  ha annullato l’iscrizione del culto di Santa Muerte come associazione religiosa.

Papa Francesco durante la sua visita in Messico ha respinto le immagini di Santa Muerte e ha collegato questo culto al traffico di droga:

“Sono particolarmente preoccupato che molti, sedotti dal potere vuoto del mondo, esaltano i suoi macabri simboli per commerciare la morte in cambio di danaro “.

Padre Josè de Jesus Aguilar, portavoce dell’Arcidiocesi del Messico respinge il culto di Santa Muerte che ha milioni di seguaci: “Questo culto è una impostura, come sono impostori coloro che lo adorano: hanno inventato un idolo che permette l’omicidio, permette di rubare, di proteggere il colpevole: nessun Santo ha mai permesso di fare il male e mai ha protetto i criminali, hanno inventato un idolo scheletro, che dovrebbe permettere loro di dare la morte agli altri e di proteggerli dalla morte”.

Questo culto viene utilizzato spesso per il sacrificio umano, come è successo in Nacozari, Sonora, nel 2012.

Andrew Chesnut ha detto che “una famiglia molto povera ha sacrificato tre vicini alla Santa Muerte, credendo che la santa morte avrebbe dato loro l’oro e la prosperità, in cambio del sangue del sacrificio dei loro tre vicini di casa.”

I membri della famiglia Meraz sono stati accusati di aver ucciso due adulti e un bambino tra il 2009 e il 2012. Jose Larrinaga Talamante, portavoce per l’ufficio del procuratore dello stato di Sonora, ha detto in data 11 Aprile 2012 che “è riuscito a stabilire la responsabilità nell’uccisione del bambino, che è stato sacrificato in un rito satanico della santa muerte”.

Nel 2006 il dispiegamento di militari è iniziato nelle zone controllate dai trafficanti di droga  e si è scoperto che operano rituali  in molti templi della criminalità organizzata dedicati alla Santa Muerte: questo legame tra membri della setta satanica e cartelli della droga è stato successivamente documentato dal Procuratore Generale della Repubblica.

Padre Ernesto Caro vive a Monterrey, una ricca città industriale vicino al confine con gli Stati Uniti che è stata teatro di alcuni dei peggiori crimini dei narcotrafficanti. Si trova anche vicino allo stato di Tamaulipas, considerato da molti un luogo completamente sotto il controllo dei narcos.

Questo sacerdote lotta con la preghiera degli esorcismi  contro la criminalità organizzata. C’è un caso recente, che Padre Caro è andato a visitare in carcere, nella speranza di convertirlo, era un membro dei cartelli della droga ed un seguace di Santa Muerte. Padre Caro afferma che quest’ uomo era posseduto dal demone di Santa Muerte, a cui era stato consacrato. “L’adorazione è il primo passo verso il satanismo e quindi il reclutamento nei narcos. È per questo che quell’ uomo è stato scelto “, ha spiegato Padre Caro. 

Data la vicinanza del Padre, l’uomo ha cominciato a manifestare tutti i tipi di espressioni di odio e rifiuto di Gesù Cristo, e durante l’esorcismo ha confessato tutti i tipi di torture che infliggeva alle sue vittime, mentre erano ancora in vita, e che provava piacere nel farlo.

Padre Eduardo Hayen Cuarón, parroco della cattedrale di Ciudad Juarez, considerata la città più violenta del mondo, spiega che i casi di possessione legati a pratiche di stregoneria o di Satanismo sono ormai di tutti i giorni. Per quanto riguarda coloro che fanno un patto con  Santa Muerte, il padre Hayen è chiaro: ” Coloro che fanno un patto con Santa muerte non sono protetti. Santa morte è un demone, è diventato molto popolare per ignoranza religiosa,  soprattutto perchè quando non si ha il vero Dio presente, si è aperti a qualsiasi tipo di credenze, anche questa demoniaca, che è molto pericolosa “.
Come uno che fa un patto con la mafia in attesa di una certa protezione, molti di coloro che si dedicano a rituali satanici o patti con la Santa Muerte finiscono per scoprire che il prezzo è alto. I demoni non possono espellere i demoni. Questi spiriti, sotto questo mondo oscuro cominciano ad emergere rendendo le persone mentalmente malate, squilibrate, manifestazioni diaboliche nelle case, chiavi che aprono da sole,  ossessioni di ombre, tutto quel genere di fenomeni che si verificano in seguito a pratiche esoteriche di stregoneria”, afferma Hayen.

Il sacerdote afferma che la legalizzazione dell’aborto nel 2007 a Città del Messico ha contribuito alla diffusione di  spiriti maligni in tutto il paese: “Entrambi sono strettamente correlati, narcos e aborto. Vi è una infestazione di demoni oggi in Messico, perché abbiamo aperto la porta alla morte”.  

Molti sacerdoti cattolici oggi vengono rapiti e brutalmente uccisi  in America latina, specialmente in Messico, perchè combattono contro la droga e contro l’aborto, per difendere la cultura della vita.

Fonti

Annunci

One thought on “Riti satanici e narcos: uccisa un’ altra adolescente. La lotta dei sacerdoti esorcisti in Messico.

I commenti sono chiusi.