Maga arrestata: sequestro di bambini per sacrifici rituali in sètta satanista. Ucciso un bimbo di 4 anni(Argentina)

I sequestri di bambini, spesso destinati a sètte occultiste collegate alle varie reti di criminalità internazionale, vengono da tempo scoperti e segnalati in Argentina ed in varie parti del mondo dalle indagini della Polizia, grazie anche all’aiuto dell’Associazione Infanzia  Rubata coordinata da Suor Martha Pelloni, che da oltre 23 anni combatte per la difesa dei bambini in Argentina: ”… vengono rapiti per essere abusati e poi uccisi in sacrifici rituali nelle sètte sataniste legate al narcotraffico, pedopornografia, al commercio di organi. Il governo protegge queste sètte, legate alla criminalità organizzata, per interessi economici e politici. Nonostante le nostre battaglie per difendere questi bambini e per fare approfondire le indagini dalla polizia, ci siamo trovati di fronte ad un muro di omertà del potere”. Grazie a Suor Martha, nel 2006 le indagini avevano portato all’arresto di molti adepti di una sètta, incriminati dell’omicidio rituale di Ramoncito (12 anni) e di altri bambini rapiti. Ma i veri leader della sètta, protetti da politici influenti, spesso riescono a farla franca.

Purtroppo oggi ci troviamo di fronte ad un altro caso simile.

IL  CASO: Un bambino di 4 anni vittima di sacrificio rituale

Accusata di aver rapito bambini per sacrifici umani in una sètta satanista, il 28 dicembre 2016 una donna che agisce come “maga umbanda detta Mae” Rosana Toledo è stata arrestata davanti alla porta della casa in cui si è verificato il reato, nel quartiere di Las Avenidas (Mar del Plata, Buenos Aires). Rosana Toledo è accusata di essere la mandante di omicidi rituali, dopo la scoperta del corpo abusato torturato e brutalmente ucciso di un bambino di 4 anni, Uriel Federico Cisneros; la figlia della maga, Ivana Toledo, era già stata arrestata insieme al suo compagno nel 2015, dal personale del Dipartimento di Indagine (DDI) accusati entrambi di omicidio.

ARRESTO DI IVANA TOLEDO E FERNANDO GROLINO nel 2015

Il bambino Cisneros di 4 anni era stato affidato dalla madre biologica,(anche lei seguace della sètta della maga Rosana), alle cure di Ivana Toledo (18 anni, figlia di Rosana) e Fernando Grolino (suo compagno, 23 anni), che nel settembre 2015 avevano chiamato un’ambulanza e avevano riferito che il bambino non stava bene…In realtà il quadro che si presentò alla Polizia (chiamata in seguito dai medici dell’ospedale) fu devastante, il bambino era in condizioni terribili ed era morto. Dopo la prima inchiesta, la coppia, a cui il bimbo era stato affidato, venne arrestata e, in seguito all’autopsia sul bambino, la coppia confessò la propria responsabilità nel delitto.  Come riportato opportunamente dalle forze dell’ordine 0223, i risultati dell’autopsia hanno mostrato i tormenti subiti dalla creatura prima che venisse ucciso per asfissia. Il bambino è stato abusato e il suo corpo mostrava “lesioni multiple in tutto il corpo, ecchimosi interne, abuso per impalamento o penetrazione”.

Secondo la ricerca, la maggior parte di queste lesioni si è verificata durante l’esecuzione di alcuni riti satanici, una serie di abusi perpetrati per lungo periodo ed in varie occasioni sul corpo del povero bambino. Il giudice Rosa Frende ha ordinato la detenzione di Ivana Toledo e di Fernando Grolino considerati colpevoli di quadruplice omicidio aggravato, compiuto su commissione dietro ordine di due o più persone, un omicidio premeditato, con premeditazione della causa criminis.

Nella stessa indagine è stato accusato un fratello di Ivana Toledo, mentre la madre biologica del bambino è stata accusata di abbandono aggravato di persona.

I segreti e la paura

Al di là dell’arresto della coppia accusata di aver ucciso il bambino, fin dall’inizio gli investigatori hanno sospettato che molte altre persone fossero coinvolte nel quadro di un rituale satanista che prevede molti tormenti, prima che il bambino venisse ucciso per impiccagione, come risulta dall’autopsia.

Fonti vicine alle indagini hanno confermato agli investigatori della Polizia che il reato si è verificato secondo i rituali satanisti Umbanda (di origine africana), ma le persone che sanno sono molto reticenti a parlare, per paura delle vendette e ripercussioni della sètta: “Nonostante la gente fosse molto spaventata, per timore della persona che presiedeva ai rituali, cioè la maga medium detta Mae(Rosana Toledo), lentamente sono emerse alcune prove che puntano alla responsabilità delle due donne detenute”, hanno detto gli investigatori. “I dati presentati da alcuni dei partecipanti ai rituali hanno portato finalmente alla luce i colpevoli”Le dichiarazioni ottenute con le informazioni raccolte, hanno portato il personale della ricerca dipartimentale ad indicare Rosana Toledo come la persona che ha dato le direttive in ciascuna delle riunioni della sètta.

Al di là della grande paura per le punizioni che la maga “Mae” minacciava di provocare, se qualcuno avesse rivelato i particolari dei riti, un paio di testimoni ha  affermato che la donna Rosana ha ordinato di sacrificare il bambino e Fernando Grolino era -nella maggior parte dei casi- il braccio esecutivo. Questi dati hanno permesso al procuratore Juan Pablo LODOLA di ottenere l’arresto di Rosa Toledo come istigatrice e mandante dei delitti.

“offrire il sangue agli spiriti”

In La capitale di Mar del Plata si legge che la polizia conferma che Rosa Toledo, con la figlia Ivana, ha praticato in diverse occasioni molti rituali satanici (simili a quelli sul povero bambino ucciso) nei templi situati a Irala: esecuzione di sacrifici di polli e altri animali, offrendo il loro sangue agli spiriti venerati dai partecipanti, il più famoso di essi è lo spirito detto “santa muerte”: venivano offerti anche resti umani, come ad esempio ossa o capelli, trafugati nei cimiteri.

Il bambino, a soli 4 anni, era stato portato a queste celebrazioni  e le due donne lo avevano fatto partecipare attivamente ai rituali. Nelle ultime cerimonie il bambino aveva subito ogni tipo di umiliazione, torture con coltelli e bruciature con sigarette e sigari, alla fine anche abusi sessuali nella forma di sacrificio.

L’omicidio del piccolo Uriel Federico Cisneros è avvenuto l’11 settembre 2015. Il corpo del bambino è stato esaminato dai medici, prima che Fernando Grolino, Ivana Toledo e suo fratello Diego Toledo venissero arrestati.  Insieme a Rosana Toledo, ora ci sono quattro persone arrestate per questo fatto aberrante. Ma sicuramente le indagini non devono fermarsi qui: perchè, come avvenne nel caso del piccolo Ramoncito e di altri casi similari, vi sono sempre molti altri seguaci coinvolti, spesso membri di cupole politiche, legate alla criminalità organizzata, che richiedono rapimenti di bambini per vari scopi e raramente i loro nomi saltano fuori.

Fonti:

1) Infocatolica RIES http://infocatolica.com/blog/infories.php/1612300911-argentina-detienen-a-una-mae

2) Dipartimento Indagini http://www.0223.com.ar/nota/2016-12-29-detienen-a-mae-umbanda-como-instigadora-del-abuso-y-asesinato-de-un-nene-de-4-anos

3) Suor Martha Pelloni, il caso di Ramoncito:

https://noalsatanismo.wordpress.com/2016/07/15/la-suora-che-combatte-le-sette-sataniste-collegate-ai-narcos-ed-al-rapimento-di-bambini-in-argentina/

Annunci