Gabriella Mereu, la santona blasfema radiata dall’Albo dei Medici, propone “terapie” di origine occultista

Se pensavate di aver sentito o letto tutto sulle questioni terapeutiche alternative, non potete ignorare il trattamento della “Santona della Sardegna”. 

Il giornale di Buenos Aires DIARO VELOZ ha dedicato un lungo articolo a Gabriella Mereu -radiata dall’Albo dei medici-  e alle sue deliranti teorie (medagliette della Madonna nella vagina per vaginiti e cistiti , parolacce e insulti per la cura dei tumori, cure verbali per le disfunzioni erettili etc,etc). Ne traduciamo alcuni brani molto interessanti.

di Enrique Marquez @ ladislaomarquez

Non appena le autorità hanno cominciato ad indagare sull’attività di Gabriella Mereu, è risultato evidente il suo legame alle teorie di Mary Baker Eddy (1821-1910), fondatrice del culto religioso “Christian Science” la quale sosteneva che non esistono malattie poiché sono  un’illusione o una rappresentazione mentale erronea che si guariscono riconoscendo la loro natura illusoria. Ha accumulato una fortuna con la sua predicazione e ha lasciato in piedi un culto con migliaia di adepti.

N.B. Christian Science è un’associazione massonica occultista, che si spaccia per “cristiana”, a cui è legata un’altra falsissima sedicente veggente MARIA DIVINA MISERICORDIA (alias la commerciante irlandese Mary Carberry) che da anni diffonde sul web ed attraverso medagliette e libri( “IL LIBRO DELLA VERITA'”), i cosiddetti “MESSAGGI DI GESU’ ALL’UMANITA'” messaggi apocalittici contro Papa Francesco, ricevuti da un falso “Gesù” new age, evocato tramite scrittura automatica (spiritismo). vedi nostro dossier:

https://noalsatanismo.wordpress.com/2016/04/25/i-falsi-messaggi-di-gesu-allumanita-di-mdmuna-setta-apocalittica-new-age/

Gabriella Mereu, nota anche come “la Santona della Sardegna” è un guru italiano controverso che propugna il suo particolare metodo di trattamento chiamato “terapia verbale” per curare tutti i tipi di malattie e, -tra le altre cose-, con l’insulto verbale alla patologia da affrontare [La Stampa, 26 e 28/10/2016].

Come indicato sul suo sito web, si è laureata in medicina  nel 1983 e poi si è diplomata in medicina olistica. Ha ottenuto anche un diploma in Grafologia, ha seguito un corso di medicina omeopatica e usa i fiori di Bach. Anche se non menzionato nel suo curriculum promozionale, usa anche il pendolo per la diagnosi e la cura via telefono, e-mail e Facebook.  In modo che, se ci fosse un corso o un dottorato in Pseudoterapie, lei avrebbe già diversi soggetti approvati. Ma non contenta di ciò, ha deciso di “inventare” la sua terapia alternativa: quella verbale. Una sorta di psicoanalisi circense estrema, la cui chiave sta nella interpretazione o decodifica della Mereu di ogni tipo di patologia.

Secondo la Mereu: “La malattia è un’espressione che rivela metaforicamente un’esperienza emotiva che ha portato alla malattia stessa“, e “imparando a decodificare le metafore, si può rintracciare l’origine dei blocchi mentali e, infine, raggiungere la guarigione“. E dal momento che il “problema emotivo crea un brodo malato“, lo scopo della terapia è quello di “rilevare da linguaggio che il paziente esprime attraverso i suoi  sintomi per contestualizzare la storia che gli appartiene  e che lo ha reso malato“.

Né risparmia bastonate per i medici (non alternativi) quando sostiene che le persone “spesso si ammalano a causa del terrore causato dalla diagnosi“.

Dietro lo slogan “le nostre parole spiegano le nostre malattie“, la taumaturga viaggia attraverso il paese con grande forza attrattiva e, con buoni introiti,  va proponendo il suo ” Seminar esperienziale ” dove espone il suo metodo interagendo con il pubblico.

Parole, parole …

Mi sono fermato in una delle sue mostre, che dal suo titolo, avevo previsto cosa avrei trovato, “Gabriella Mereu a Mystic Cabaret”. Vale la pena ricordare che “Mystic Cabaret” è un’allusione al titolo di un libro esoterico di Alejandro Jorodowsky, un guru cileno con deliri terapeutici simili a quelli della Mereu, è uno dei suoi molti riferimenti (Supernatural Cafe, # 34 dicembre 2015).

Dopo una breve introduzione, che ha utilizzato per sottolineare che “Pasteur è stato un grande impostore” e che la medicina ufficiale terrorizza i pazienti, è passata alle dimostrazioni della sua terapia verbale.

Per oltre 50 minuti la Mereu ha dato libero sfogo alle sue divagazioni per analizzare e interpretare la metafora dei sintomi che le sono stati presentati  da 14 consultanti (10 donne e 4 uomini). Della vasta gamma di presunti disturbi annunciati (acufeni, tumore al seno, lipoma, problemi circolatori e respiratori, ossa, dolori articolari e dello stomaco, vene varicose, ecc), ne ha attribuito l’origine a traumi nascosti e irrisolti coi genitori. Secondo la sua “mappa medica”: se appare il sintomo sul lato sinistro il problema è con la madre, se sul lato destro è con il padre.

Le situazioni di abbandono,  nostalgia, proiezione della  rabbia e sensi di colpa e rancore, sono responsabili delle sofferenze e possono  essere ben risolte con la consapevolezza, l’omeopatia, i fiori di Bach e, in alcuni casi, col “lavaggio epatico” complementare. L’unica cosa è che non vi è alcun dubbio che la sua presentazione ha fatto onore al titolo dell’incontro…

Tutto quello mostrato in questo video è insignificante confrontato a molte altri idiozie per le quali è diventata  nota la  Mereu. Tra le sue affermazioni più oltraggiose figurano il fatto che l’AIDS non esiste, gli epilettici sono esibizionisti e che con la sua terapia verbale può curare dal cancro alla paralisi. Ma più eterodossa era la sua raccomandazione alle donne per l’auto-cura di vaginiti e cistiti: mettere una medaglia della Madonna nella vagina e poi andare a Messa  [Il Giornale di Vicenza, 16-02-2012 e 01-05- 2013].

La redazione del programma televisivo Le Iene (versione italiana di CQC Argentino) si mise al lavoro e, con  l’ironia che lo caratterizza, aveva deciso di smascherare la famosa Dr. Mereu.

Tre trasmissioni memorabili [ “IMiracoli della D.ssa Mereu” (23-04-2015), “Il ritorno della dottoressa Miracolosa” (07-05-2015) e “Il ritorno della dottoressa miracolosa ” (21-04- 2016)], tra le quali una imperdibile guarigione miracolosa di un falso paralitico nella prima, sono state una sorprendente rivelazione sul modus operandi della dottoressa e ben presto hanno prodotto i loro effetti.

Il 24 aprile 2016, tre giorni dopo l’ultimo servizio de Le Iene e che ha visto Nadia Toffa aggredita dai seguaci della Mereu, la ciarlataneria della santona è stata esposta in un’inchiesta giornalistica di Paola Leoni e Fabio Pellegrinelli per lo show televisivo svizzero “Patti Chiari”, proprio uno spazio di comunicazione specializzata nella tutela dei consumatori.

Sotto il titolo suggestivo “Mereu – Alzati e cammina“, i giornalisti hanno ripreso con telecamere nascoste la Mereu e le testimonianze di persone affette da gravi malattie.

La rilevanza giornalistica di tante affermazioni ridicole della Mereu, ha cominciato a preoccupare e sono state assunte alcune misure, ma non ancora abbastanza per evitare che la dottoressa prosegua le sue decodifiche pubbliche. E’ stata sospesa dall’Ordine dei Medici di Cagliari e attualmente il Collegio Medico di Torino indaga sulle accuse di “abuso della credulità popolare e diffusione di notizie false, esagerate e tendenziose, creando allarme tra i cittadini” [La Nuova Sardegna, L’Unione Sarda e RSI, 25/10/2016].

Restare vigili perché la Mereu con le sue “terapie fraudolente”, come tanti altri santoni sedicenti  guaritori , continua a operare liberamente, è approdata pure in Argentina e tanta gente disperata e disinformata purtroppo continua a farsi ingannare ed usare.

FONTE: DIARIO VELOZ                                                                        http://www.diarioveloz.com/notas/168017-video-guru-italiana-y-su-terapia-fraudulenta-que-causa-furor-cura-enfermedades-insultando

Annunci