Daniel e Manuela Ruda, i killer vampiri, reclutati dai siti satanisti in internet

“Vampiro nero come la pece cerca principessa delle tenebre che disprezza tutto e tutti e ha detto addio alla vita”.

Queste erano le parole di un annuncio per cuori solitari in una popolare rivista di heavy-metal, nell’agosto del 2000: l’annuncio con cui il giovane tedesco Daniel Ruda, 26 anni, riuscì ad incontrare la sua futura moglie, con cui pianificò una serie di “sacrifici umani rituali”, dopo i quali volevano suicidarsi per raggiungere il loro “oscuro signore” e diventare immortali.

A quell’annuncio, tra le tante, rispose Manuela e Daniel la scelse, perchè lei diceva che a 14 anni aveva sentito la “chiamata” di Satana. A 17 anni Manuela aveva abbandonato gli studi in Germania per fare nuove esperienze in Inghilterra, dove incontrò alcuni satanisti in un club gotico londinese, a Islington dove lavorava, un club che apre da mezzanotte all’alba: fu lì che venne iniziata all’autolesionismo, al vampirismo e venne consacrata a Satana nella notte di Halloween.  Fu proprio in questa setta che Manuela trovò i suoi primi “donatori” che si offrivano a lei per le pratiche di vampirismo, come parte del rituale. Manuela si fece togliere due denti per sostituirli con due zanne affilate da vampiro. Le venne insegnato a prendere il sangue dal collo dei donatori, senza ledere l’arteria, imparò a dormire nelle bare nei cimiteri senza avere paura..insomma era la complice ideale per il satanista vampiro Daniel Ruda, perchè aveva fatto “pratica”.

Dopo aver vissuto per un periodo con “l’uomo leopardo” Tom Leppard, in Scozia, considerato “l’uomo più tatuato del mondo” che viveva in una grotta sul lago di Skye,  Manuela tornò in Germania nel 1998 e cercò collegamenti con i satanisti vampiri tedeschi in internet. E quando lesse l’annuncio di Daniel Ruda, nel 2000, anche lei capì di aver trovato “il partner perfetto”.

Queste sono le dichiarazioni che Manuela rilasciò alla Polizia in Germania, nel 2002: le indagini e le documentazioni sulle sue frequentazioni sataniste inglesi e tedesche hanno confermato che era tutto vero, purtroppo…Prima della sua fuga a Londra, Manuela era un’ adolescente insoddisfatta come tante oggi, in cerca della propria identità, facilmente manipolabile dalle mode del momento e da loschi figuri.

FOTO: Manuela come era “prima” e “dopo” la sua iniziazione al satanismo in Inghilterra

Sia Daniel che Manuela avevano la stessa ossessione per il rock satanico e per il satanismo, vivevano in un “party horror di Halloween” quotidiano, quindi erano in simbiosi perfetta nella chat satanista in cui presero i primi contatti.

ruda4
Daniel Ruda e Manuela

Daniel Ruda aveva trovato il suo percorso nella scena heavy metal attraverso il movimento neo nazista tedesco, Daniel promuoveva gruppi metallari legati agli skinheads. Poi passò al genere  black metal e cominciò a frequentare un gruppo satanista dedito al vampirismo, chiamato i “mostri succhiasangue”: questo resoconto sul reclutamento al satanismo di Daniel Ruda è ciò che Frank Lewa, un vecchio amico di Daniel, ha riferito come testimone al processo. Frank Lewa dichiarò che Daniel era molto cambiato e che un giorno gli mostrò una foto, in cui era stato sottoposto ad un rito feticista, facendosi appendere a dei ganci, per dimostrare di sopportare il dolore…Daniel considerava Frank Lewa  “un traditore” perchè non partecipava ai rituali di iniziazione del suo gruppo satanista…per questo motivo ebbero un’accesa discussione che li divise.

2vgworr-640x937
Daniel e Manuela Ruda, novelli sposi

Daniel e Manuela si sposarono il 6 ° giorno del 6 ° mese dell’anno (giugno) del 2001, per onorare il numero della bestia, 666. Ed è stato un mese dopo il loro matrimonio, il 6 luglio 2001, che la coppia ha cominciato ad uccidere per “ordine di Satana”, così hanno dichiarato agli inquirenti. La vittima che la coppia Ruda aveva selezionato era un collega di lavoro di Daniel, Frank Hackert, 33 anni. Daniel Ruda lavorava come venditore di automobili. Frank era un uomo mite e simpatico, la vittima ideale… La coppia dirà più tardi che lo avevano scelto come vittima sacrificale perché ‘amava i Beatles ed era così divertente che sarebbe stato il giullare perfetto per Satana’.

Il metodo del loro omicidio, pianificato nei dettagli,  sembra essere stato modellato sulla copertina del disco di una band metal satanista chiamata Cannibal Corpse. L’album si chiama Hammer-Smashed e presenta un volto pesantemente mutilato e schiacciato dal martello. Nel loro appartamento a Witten, in Germania, Daniel e Manuela Ruda hanno colpito alla testa Frank Hackert ripetutamente con un martello. Poi Manuela lo ha pugnalato al cuore, accoltellandolo per 66 volte. Manuela Ruda ha detto alla corte: “Allora il mio coltello ha iniziato a brillare e ho sentito il comando di pugnalarlo nel cuore, poi abbiamo recitato litanie sataniche”. La coppia ha inciso un pentacolo satanista sul petto della vittima e ha bevuto il suo sangue, poi si sono ritirati nella bara che avevano in casa…Il giorno dopo, sono fuggiti.

Il corpo massacrato di Frank Hackert è stato trovato in casa della coppia, sotto una scritta tracciata con il suo stesso sangue, sulla parete: “Quando Satana vive”. Dentro la casa della coppia, la polizia ha scoperto teschi umani, statue di satana Baphomet, testi di occultismo e satanismo ed una bara trafugata nei cimiteri. C’era anche un elenco di 16 vittime potenziali, che i due avevano programmato di sacrificare, se la Polizia una settimana dopo non li avesse arrestati…

Tre giorni prima del delitto, Manuela Ruda aveva inviato una lettera alla madre, in cui affermava: “Io non sono di questo mondo. Devo liberare la mia anima dalla carne mortale”. La madre di Manuela cominciò a sospettare che sua figlia stava per fare qualcosa di terribile…ma la madre avrebbe dovuto preoccuparsi molti anni prima, vedendo le frequentazioni ed i comportamenti della figlia. Allertata dalla improvvisa scomparsa di Manuela e di Daniel, la donna aveva chiamato la polizia affinchè facessero indagini nella loro casa. Troppo tardi! In seguito alle indagini nella casa, la polizia emise un mandato di cattura per la coppia in tutto il paese. I giovani furono arrestati una settimana dopo, in una stazione di benzina in un villaggio ad est di Jena, in Germania.

Satanisten-Prozess
Daniel e Manuela Ruda in tribunale

Sotto processo in Germania nel 2002, Daniel e Manuela Ruda hanno ammesso di aver ucciso Frank Hackert, ma entrambi hanno negato che si trattasse di “omicidio”. Manuela ha detto, “Non è stato omicidio. Satana ci ha ordinato di farlo. Dovevamo obbedire. Doveva semplicemente essere fatto. Se investo una persona con la mia auto e metà della sua testa resta sul paraurti, non è l’auto che va in galera. E’ il pilota che è il Male. Non ho niente di cui pentirmi”. Anche Daniel ha detto alla corte che aveva agito come strumento di Satana: “E’ un atto preciso di ciò in cui crediamo, era necessario. Non è omicidio, è stata un’esecuzione”.  (vedi il libro autobiografico di un giovane ex satanista in Germania “LUKAS, quattro anni all’inferno“:

https://noalsatanismo.wordpress.com/2016/08/22/lukas-autobiografia-di-un-giovane-ex-satanista-in-germania/)

Durante tutto il processo, la coppia ha giocato spavaldamente davanti ai giornalisti, facendo smorfie e roteando gli occhi. Entrambi vestiti vistosamente con abiti militari neri e con simboli satanici tatuati sui loro corpi. Manuela mostrava il tatuaggio di una croce capovolta sulla sua testa rasata. Volevano l’attenzione dei media, hanno giocato a farsi credere folli e tutto questo dimostra consapevolezza di sè e capacità di intendere e di volere.

ruda_580
Daniel e Manuela Ruda in tribunale

Quando il giudice ha annunciato il loro destino, nessuno dei due coniugi Ruda ha mostrato alcuna emozione. Erano sicuri di farla franca…La famiglia di Frank Hackert aveva chiesto che i due killer venissero condannati all’ergastolo. Ma il giudice ha detto, d’accordo con l’avvocato difensore dei due assassini,  che i due “non erano mostri, ma soffrivano di malessere psicologico” e sono stati mandati in ospedali psichiatrici, piuttosto che in prigione. Daniel Ruda è stato condannato a soli 15 anni, Manuela  13 anni. Eppure il carattere rituale del crimine era evidente.  Come è evidente che spesso le èlite politiche sono conniventi con le sètte…

Come mai non sono stati indagati i satanisti che la coppia aveva incontrato nelle chat e nei siti che fanno propaganda a satanismo e vampirismo, che si offrivano spontaneamente come donatori per la “coppia di  vampiri”? Erano anch’essi complici. Perchè quei forum di incontro per satanisti non sono stati indagati e chiusi?

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/germany/1383474/Last-kiss-as-Satanist-killers-are-locked-up.html

 

Annunci