Preghiere e Consacrazione al Santo Angelo custode

Una Consacrazione al Santo Angelo Custode è essenzialmente un dono di sé (da ciò il termine devozione) radicato nella grazia del Battesimo. Poiché è nel Battesimo che è nata quella comunione a Cristo, fondamento di ogni devozione e Consacrazione ai Santi Angeli.

Consacrazione all’Angelo custode

Santo angelo custode,
sin dall’inizio della mia vita
mi sei stato dato come protettore e compagno.
Qui, al cospetto
del mio Signore e mio Dio,
della mia celeste Madre Maria9e8a6672d9cef202a858b0bc624b59cc
e di tutti gli angeli e i santi
io (nome) povero peccatore
mi voglio consacrare a te.

Prometto di essere sempre fedele
e ubbidiente a Dio e alla santa Madre Chiesa.
Prometto di essere sempre devoto a Maria,
mia Signora, Regina e Madre, e di prenderla
a modello della mia vita.

Prometto di essere devoto anche a te,
mio santo protettore e di propagare secondo le mie forze
la devozione agli angeli santi che ci viene concessa
in questi giorni quale presidio ed ausilio
nella lotta spirituale
per la conquista del Regno di Dio.

Ti prego, angelo santo, di concedermi
tutta la forza dell’amore divino affinché
ne venga infiammato, e tutta la forza della fede
affinché non cada mai più in errore.
Fa’ che la tua mano mi difenda dal nemico.

Ti chiedo la grazia dell’umiltà di Maria
affinché sfugga a tutti i pericoli e,
guidato da te, raggiunga in cielo
l’ingresso della Casa del Padre.
Amen.

ATTO DI CONSACRAZIONE AI SANTI ANGELIcorpus-christi-4-660x350
(dei membri dell’Opus Angelorum)

O Santi Angeli di Dio,
In presenza di Dio Uno e Trino e nell’amore di Gesù Cristo, mio Signore e Salvatore, io …., povero peccatore, voglio oggi concludere una alleanza con voi, suoi Servitori, per poter operare umilmente e coraggiosamente in comunione con voi per la gloria di Dio e la venuta del Suo Regno.
E’ per questo che vi supplico di assistermi, in particolare:
– nell’adorazione di Dio e del Santissimo Sacramento dell’Altare;
– nella contemplazione della Parola di Dio e della Sua Opera di Salvezza;
– nell’imitazione di Cristo e l’amore della Sua Croce in spirito di espiazione;
– nel compimento fedele della mia missione nella Chiesa, in umile servizio ad esempio di Maria, mia celeste Madre, vostra Regina.

E tu, mio buon Angelo Custode, che vedi costantemente il Volto del Padre nostro che è nei Cieli, a te Dio mi ha affidato fin dall’inizio della mia esistenza. Di tutto cuore io ti ringrazio della tua amante protezione. Io mi dono a te e ti prometto amore e fedeltà.
Te ne prego: proteggimi contro la mia propria debolezza e contro gli assalti degli spiriti maligni; illumina il mio spirito ed il mio cuore per conoscere e compiere sempre la volontà di Dio; e guidami all’unione con Dio, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Amen.

ATTO PRIVATO DI CONSACRAZIONE ALL’ANGELO CUSTODE

Glorioso Custode della mia anima,10_2_guardian3
Tu che brilli nel cielo blú
come una fiamma dolce e pura
vicino al trono dell’Eterno
Tu scendi per me sulla terra
e mi rischiari col Tuo splendore
bell’Angelo, Tu divieni mio fratello,
mio amico, mio consolatore!
Mio Santo angelo Custode,
ti saluto e ti ringrazio, ti chiedo di pregare per me,
e di pregare al mio posto
in tutti i momenti in cui
non posso dire le mie preghiere.
Degnati anche nella luce divina,
di poter incontrarmi con gli Angeli custodi
di quelli che amo di più,
di tutti quelli ai quali io mi interesso
spiritualmente, per rischiararli,
proteggerli, condurli.
Amen.

La Congregazione per la Dottrina della Fede ha approvato questa nuova Consacrazione il 31 maggio 2000, ed il suo uso è stato affidato all’Opus Angelorum che ne da la spiegazione.
Per approfondire: http://www.miliziadisanmichelearcangelo.org/content/view/1760/93/lang,it/
Don Marcello Stanzione

In unione con l’Angelo Custodeangel-de-la-obediencia

Ogni Angelo Custode è un dono speciale dell’amore di Dio, e se noi abbiamo la scelta di un compagno, non potremmo trovarne di meglio, poiché Dio lo ha scelto per noi nella Sua saggezza ed il Suo amore infinito. Dio solo conosce il segreto del nostro destino; Lui solo, Creatore e Salvatore, conosce le nostre forze e le nostre debolezze, la missione e le prove che ci aspettano, la nostra croce e la nostra gioia che ci è promessa. La Sua Provvidenza ci ha pensato l’uno per l’altro da ogni eternità; il Signore dice:
“Sto per inviare un angelo davanti a te, affinché egli vegli su di te nel corso del tuo viaggio, e ti faccia pervenire al luogo che ti ho preparato” (Es 23, 20).

L’Angelo Custode è alla nostra porta verso il mondo degli Angeli, un portinaio celeste. Queste parole del catechismo: “Gli Angeli concorrono a tutto quello che è buono per noi” (§ 350), gli sono del tutto specialmente assegnate. Scelto da Dio, egli è l’amico fedele, il solo, con Gesù e Maria, ad accompagnarci dalla nascita alla morte. Noi siamo il suo primo pensiero, l’oggetto privilegiato della sua intercessione, il talento che gli è affidato e che egli amerebbe rendere al centuplo al suo Signore. E’ per questo che egli resta giorno e notte ai nostri fianchi, per il nostro bene, la nostra salvezza e la nostra purificazione, per illuminarci e guidarci alla pienezza.

c381ngel_de_la_guardaContro le potenze del male, che ci tentano e ci stringono, l’Angelo Custode è il nostro giusto soccorso, per il fatto che ha lui stesso partecipato alla loro sconfitta sotto la guida dell’Arcangelo San Michele. Inoltre, una creatura spirituale riconosce meglio il tentatore, ed ha anche la meglio nel respingerlo con la forza della grazia. Egli è ai nostri fianchi quando Dio permette al nemico di metterci alla prova come Giobbe, Pietro o Paolo. Col suo aiuto, noi giungeremo a rimanere fedeli a Dio.
Quale debito abbiamo dunque nei riguardi dell’Angelo Custode e come ricompensarlo?  Un amore come quello che ci testimonia non si ricambia che in amore, fedeltà e fiducia. E’ per questo che ci rimettiamo nelle sue mani.

Noi siamo deboli, lui “che sta costantemente in presenza del Padre Mio, che è nei cieli” (Mt 18, 10) rimane riverberato al volto di Dio, cercando di trasmetterci quella solidità, aiutandoci, nella luce della grazia che lo abita, nel credere più fermamente in Dio, nel contare maggiormente sul Suo aiuto e nell’amare in maniera più disinteressata.
Rimaniamo uniti a lui per tutta l’eternità in un’amicizia senza falla, e regneremo insieme nei cieli. E’ in questo senso che San Tommaso ci dice:
“Ogni essere umano ha, lungo tutta la sua vita, un Angelo Custode; giunto al termine del suo percorso, non è più un Custode, ma un Angelo che regna con lui che è ai suoi lati” (ST 1.123,4c).choir-of-angels-cappella-dei-magi

Annunci