Un esorcista racconta :la Santa dell’impossibile fa tremare i demoni

Testimonianza di un sacerdote esorcista
L’anno scorso intorno alle 11. 15, come tutti i venerdì si era all’ ultimo esorcismo degli Esorcismi “forti” celebrati da P. Gabriele Amorth in una Chiesa del centro di Roma, S. una ragazza sulla trentina della Sardegna che veniva regolarmente a Roma per farsi esorcizzare, visto che dove risiede non ci sono esorcisti. Già dai primi esorcismi della giornata abbiamo notato una certa inquietudine degli ammalati e poi l’esplosione quando si arrivava ad invocare l’intercessione di Santa Rita di cui il 22 maggio ricorre la Festa: affinchè presa a compassione delle afflizioni delle persone intercedesse per loro presso il Signore. Eravamo alla fine della Preghiera e P. Gabriele stava dicendo il “Praecipio”: la parte dell’esorcismo più forte che comprende l’interrogatorio al Demonio e secondo l’insegnamento di Padre Candido Amantini da recitare alla fine dell’Esorcismo e non all’inizio come prescrive il Rituale Romanum perchè il Demonio più indebolito dall’Esorcismo fa meno resistenza all’imposizione fatta in nome della Chiesa dal solo Sacerdote Esorcista a rivelare le cose che serviranno alla liberazione, (nome, causa del disturbo, data d’entrata e d’uscita etc.. mai domande curiose o personali che il Rituale, l’esperienza, la prudenza e la Chiesa vietano espressamente.)
Ecco, arrivati alle parole “diem et horam exitus tui” non avendo voluto parlare per tutto l’interrogatorio l’Esorcista come al solito comincia le imposizioni che insieme a lui tutti ripetiamo: “Nel nome di Cristo vattene! Per Intercessione dell’Immacolata vattene! Per intercessione di P. Pio vattene! Per intercessione di P. Candido vattene! Per Intercessione di Giovanni Paolo II vattene! (e qui di solito aggiungiamo una invocazione al Santo a cui la persona è particolarmente devota o di cui ricorre la festa). Per Intercessione di Santa Rita vattene! “. Non arriviamo a dirlo tre volte come le altre che il Demonio, fino ad allora abbastanza tranquillo apparte un po di urla e sputi, esplode con tutta la sua violenza. La avevamo in poltrona, ritenuta come caso leggero, infatti quelli pesanti li si facevano in lettino; comincia ad urlare e a picchiare e se non la reggevamo in 7 avrebbe stritolato Padre Gabriele e noi, se il Signore non glielo avesse impedito, poi sbraitando dice: “è Lei che ha ottenuto la data della liberazione, è Lei che intercede, mi tormenta basta!” Poi ha risposto a tutte le domande che il Padre gli poneva.
La cosa più bella è che la persona, al risveglio ha detto che ha visto Santa Rita, durante l’Esorcismo, che la confortava aiutandola a pregare ed assicurandole la Sua Protezione ed Intercessione dicendole che il Signore presto verrà a liberarla!

Preghiamo dunque Santa Rita ed invochiamo la Sua potente intercessione!

PREGHIERA A SANTA RITA

O’ Dio onnipotente ed eterno, che in Santa Rita
da Cascia ci hai dato un luminoso esempio
di unione a te nella preghiera
e di servizio e amore ai fratelli,
fa che superando per sua intercessione
il nostro egoismo e la pigrizia,
possiamo imitarla per sperimentare nella prova
il tuo amore misericordioso
e la sua fraterna protezione.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio,
che è Dio, e vive e regna con Te, nell’unità dello
Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.
Amen.

Padre, Ave, Gloria
PREGHIERA DI DOMANDA FIDUCIOSA A SANTA RITA

O’ Dio, bontà infinita e ricco di misericordia con quanti ti invocano,
a te mi presento nella gioia di poter essere qui quest’oggi.
Con piena riconoscenza ti esprimo i più vivi ringraziamenti
Ti prego di accogliere la mia preghiera.
Ti invoco con insistenza nella mia difficoltà,
interponendo l’intercessione di S. Rita ancella di pace e di perdono:
per i suoi meriti ascoltami ed esaudiscimi.
Sii benedetto per sempre: Donami pace e sicurezza.

Cara santa Rita, stai a me vicina nel momento del dolore,
ti riconfermo la mia devozione e confido nella tua protezione.
Prega per la piena conversione del mio cuore
perché io possa piacergli sempre con una vita più fervorosa.
Tu sei gradita a Dio e ottieni quanto chiedi per i tuoi devoti:
per questo ripongo in te grande speranza.
Accompagnami, o’ Santa Rita, con la tua benedizione
perché io possa sempre lodare, benedire e ringraziare con te il Signore
per tutto il bene che mi doni. Amen.

Gloria al Padre…

PREGHIERA DI AFFIDAMENTO A SANTA RITA

Io, o’ dilettissima S. Rita, sento da tutti invocare il tuo bel nome.
Tutti fanno ricorso a te. Voglio essere anch’io nel numero dei tuoi devoti. Da questo giorno io ti eleggo per mia speciale Protettrice e Avvocata.
A te manifesterò i miei bisogni spirituali e temporali,
e tu, come affettuosa madre, ti presterai sollecita alle mie preghiere.
La grazia di Dio mi renda simile a te nell’ amore verso Gesù Crocifisso. impetrami d’imitare tutte le tue virtù: nel disprezzo del mondo,
dei suoi beni e piaceri fallaci, nell’amore a Dio e al prossimo.
Ottienimi l’obbedienza, la castità, 1’umiltà, lo spirito di pazienza e rassegnazione alla divina volontà. Ti siano anche a cuore i miei bisogni temporali. Fa’ che Dio mi dia quanto è necessario al conseguimento del mio ultimo fine; e, se è di piacere all’Altissimo, impetrami tutti quei beni che possono essermi utili e necessari.

Padre, Ave, Gloria

PREGHIERA A SANTA RITA PER I MALATI

O’ Dio Padre onnipotente, che manifesti la tua bontà con la tua provvidenza e misericordia, ascolta benevolmente la preghiera che ti rivolgiamo per l’intercessione di S. Rita, tua serva fedele e nostra particolare protettrice.
Soccorri, o Signore, le persone malate che ricorrono a te con fiducia e per le quali umilmente chiediamo ora il tuo intervento.

Dona loro forza nella prova, conforto nel dolore, conformità alla tua disegno d’amore.
O’ S. Rita, che durante la tua vita fosti così vicina alle persone inferme, le confortasti con le tue parole di pace e carità, intercedi presso Dio per queste persone bisognose perché sostengano con pazienza la prova a cui si trovano sottoposte e riacquistino la piena salute se questo grande favore, che tanto desideriamo, è conforme al santissimo volere di Dio.
O’ S. Rita, che tante volte ci hai mostrato la tua valida intercessione, aiutaci in questo particolare momento di bisogno, in particolare dona pace e speranza a quanti stanno accanto ai nostri malati perché vincano il male con il bene e sappiano trasformare anche le più tristi vicende in sorgenti di vita eterna.
O’ S. Rita si innalzi ancora una volta il coro di gratitudine per lo splendore dei Suoi doni a Dio Padre che invochiamo con tutta la nostra fede per i meriti infiniti di Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

Gloria al Padre…

Fonti http://unesorcistaoggi.blogspot.it/2009/05/la-santa-dellimpossibile-fa-tremare-i.html

http://www.santaritadacascia.org/preghiere/preghiere-ritiane-rosario.php

Annunci

Un pensiero riguardo “Un esorcista racconta :la Santa dell’impossibile fa tremare i demoni

I commenti sono chiusi.