Ex pornodivo, JOSEPH SCIAMBRA,svela l’inganno della lobby che sfrutta gli omosessuali .Si è convertito alla Chiesa cattolica:”Cristo mi ha salvato dall’occultismo,dall’omosessualità e dalla pornografia”

ex porno divo joseph sciambra“HO VISSUTO UNA ESPERIENZA DI POSSESSIONE DIABOLICA…STAVO PER MORIRE ,MA CRISTO MI HA SALVATO DALL’OCCULTISMO ,DALLA PORNOGRAFIA E DALL’OMOSESSUALITA’ “.
Joseph Sciambra lo rivela nel suo libro autobiografico SWALLOWED BY SATAN Ingoiato da satana http://www.amazon.com/Swallowed-Satan-Christ-Pornography-Homosexuality/dp/193926815X

Joseph Sciambra ha anche un suo bloghttp://josephsciambra.com/ : ha deciso di fare un outing veramente svantaggioso oggi ,è così controcorrente ,
che si è attirato da subito l’ira mondana, ma lui non se ne preoccupa e insiste :
«Quella proveniente dal mainstream mediatico è un’immagine molto distorta e falsa dello stile di vita omosessuale, disegnata apposta per gli americani. Ci sono cascato anche io».
Sono le parole di Joseph Sciambra, ex pornostar gay, che ha raccontato la sua storia in una intervista a Lifesitenews.com.
Sciambra, 44 anni, descrive la sua adolescenza nel mondo omosessuale, il vortice che nei dieci anni successivi lo ha portato a diventare dipendente dalla pornografia, «mi ha portato alla disperazione», alla caduta e alla conversione.
Poi rivela che cosa sia davvero l’omosessualità e «come un genitore dovrebbe affrontarla», senza averne paura né farne una colpa a sé o ai figli. Sciambra chiarisce i veri motivi che animano la lotta per il riconoscimento del matrimonio omosessuale e l’avversione verso le terapie riparative, ma anche il moralismo di certi cristiani «che non aiuta nessuno». E indica una via d’uscita per «coloro che soffrono a causa di questa attrazione».

DIECI ANNI ESTREMI. Tutto iniziò quando Sciambra era piccolo. Già a 8 anni era inquieto, alla continua ricerca di un «posto felice». Un giorno gli capitò per le mani una rivista pornografica, ma neanche fra quelle pagine riuscì a soddisfare la sua «ricerca di amore».Provò sesso con donne ma non gli bastava.
Negli anni Novanta, entrò nella comunità gay di San Francisco. Qui visse più di dieci anni di vita estrema, alla ricerca di continui rapporti che mettessero a tacere il suo disagio, fino a crollare.

sciambra” IL DIAVOLO MI STAVA UCCIDENDO TRAMITE ORGE DEMONIACHE”
«Quello che mi ha cambiato è stata la paura di morire quando stavo male. Capii che mi sarei dannato, il diavolo mi stava portando all’inferno tramite orge demoniache. Frequentavo locali gay a Castro (San Francisco ) dove vi erano sale per giochi erotici gay (si chiamavano ‘cabine di gloria’ ,tu non potevi vedere con chi facevi sesso).Fu in uno di questi luoghi che io mi sono consegnato sessualmente a Satana, che in una visione mi si presentò sotto forma di una bocca spalancata con una lingua biforcuta.
Da quel punto in avanti ho cominciato a sentire voci nella mia testa,che mi tormentavano,mi ossessionavano e potevo placarle solo con il sesso sempre più estremo »

Joseph divenne un attore porno e si prostituiva ,in un viaggio verso il basso nei sotterranei bui del sadomasochismo. Qui ha inflitto e ricevuto dolore e torture. Ciò ha incluso pratiche orrende , la maggior parte di questo è stato girato per l’industria del porno gay.
Joseph era alla ricerca del ” Nirvana sessuale” che poteva essere ottenuto solo con la violenza, la sottomissione, e l’aggressione.
Tutto quello che ha vissuto dentro di sé era odio: l’odio per gli altri uomini, l’odio per la sua vita, e l’odio per il mondo. Ormai aveva sperimentato il sesso con ben 1000 uomini. Aveva abbracciato tutto ciò che era sessualmente raccapricciante e orribile.

Un’ orgia diabolica fu così violenta che Joseph venne trasportato urgentemente in ospedale. Qui ha avuto una esperienza di morte della sua anima,la vedeva scendere in una enorme bocca spalancata che affogava le anime nella sua schiumosa salivazione, Joseph ha sentito e visto l’inferno .

Ma la madre cattolica di Joseph era al suo capezzale e pregava sempre per lui. La paura prese il cuore di Joseph,che implorava aiuto e liberazione da Dio. In quel momento sentì come di essere rientrato in possesso del suo corpo.
«Mia madre non smise mai di pregare e siccome quando ero piccolo credevo in Dio, implorai il Suo aiuto e Lui mi salvò. Compresi quasi immediatamente che tutto quello che avevo fatto in passato era una lunga via verso la perdizione. Dio mi diede chiarezza e cominciai a studiare ,a leggere. L’aiuto spirituale insieme a quello psicologico mi guarirono dall’omosessualità.»

Joseph ha continuato a riscoprire la sua fede cattolica che aveva abbandonato nella sua infanzia. Ha sperimentato il perdono di Dio attraverso il Sacramento della Confessione, sinceramente pentito per i suoi anni di peccato sessuale.
I demoni sono stati espulsi da lui in un esorcismo eseguito da un sacerdote cattolico.
Joseph afferma di aver trovato la forza di continuare il suo cammino di fede ,anche nella castità , ricevendo frequentemente l’Eucaristia durante la Santa Messa, e ha trovato aiuto e consolazione da Maria, la Santa Madre di Dio.

Ora Joseph ha aperto un negozio di articoli religiosi cattolici a Napa, California. Joseph dice che c’è vera gioia nel portare la croce. Unendo le sue sofferenze a quelle di Gesù che soffre, Joseph sente che sta contribuendo a salvare i suoi amici gay da un destino diabolico a cui lui è a malapena sfuggito.

Secondo Joseph, molti gay,dopo aver letto la sua storia, lo hanno cercato, desiderosi di cambiare vita, raccontandogli la loro infelicità e le proprie esperienze simili alla sua ,nello ‘stile di vita gay’.

PORNOGRAFIA,AIDS E SUICIDI Per Sciambra la pornografia è «una sorta di dipendenza come le droghe o l’alcol». E anche se i media hanno cercato di «ritoccare la realtà gay», lui non potrà mai dimenticare tutti quegli uomini arrivati a San Francisco da ogni angolo degli Stati Uniti «per trovare un porto sicuro in cui essere accettati» che alla fine «sono morti a causa delle malattie».
«Ho visto molti giovani morire per le malattie ma anche per i suicidi», ricorda Sciambra.
L’ex icona gay vuole «mostrare quanto sia brutto, e sporco, sì, lo stile di vita gay; e quanto sia ultimamente triste e tragico l’epilogo per quasi tutte le persone coinvolte».
È questo uno dei motivi principali per cui ha deciso di parlare pubblicamente della sua storia: «Mi rivolgo specialmente ai genitori moderni che sono decisi a offrire i propri figli a questo orrore, per dirgli cosa li attende, e per dare dignità a quanti si sono ritrovati in questa vita senza averne colpa».

L’INGANNO DELLA LOBBY GAY . La denuncia di Sciambra riguarda anche la lobby omosessuale: «Ogni giovane che entra in questo mondo viene subito aggredito da una truppa di uomini più vecchi pronti a sfruttarlo come recluta». Trasformandolo in un paladino delle battaglie politiche per i “diritti” degli omosessuali cavalcate dal «partito democratico e dal movimento liberal delle lobby gay». Come la campagna per il riconoscimento del “matrimonio gay”, un concetto che secondo Sciambra è stato «fuso a quello dell’uguaglianza» in modo da «creare una dinamica per la quale tutti i gay devono supportare il matrimonio, anche se non sono interessati». Sul tentativo di “neutralizzare” la diversità omosessuale Sciambra è durissimo: «La liberazione omosessuale mira a creare come una sorta di sollievo nella mente dei gay», spiega. «Dopo tante sofferenze, persecuzioni e lotte» abbracciare l’omosessualità è per i gay «un tentativo di raggiungere la pace e il compimento. Ma è un inganno. E la pace che bramano non accade mai».

SERVE UN LUOGO DI ONESTÀ. L’unico modo per non lasciarsi incantare – dice Sciambra prendendosela altrettanto risolutamente con chi condanna i gay senza amore costringendoli a scappare – è affidarsi ad «amici disinteressati, che non facciano battaglie per loro, che li ascoltino senza fare troppa catechesi o impartire lezioni dogmatiche, ma da cui si sentano voluti». Non bisogna dimenticare infatti, insiste Sciambra, che i gay «sono persone che soffrono: hanno bisogno di comprensione, compassione e preghiere».
A questo proposito l’ex pornodivo difende senza esitazione anche le tanto discusse terapie riparative: «Tutti gli omosessuali che ho conosciuto, senza eccezioni, possono trovare, a volte con riluttanza, l’origine della propria omosessualità in qualche episodio della loro infanzia». L’opposizione alle terapie riparative «esiste perché in fondo si sa che funziona. I terapisti capaci sanno trovare la radice che causa la pulsione omosessuale nelle persone». E quando questo accade, i promotori dell’ideologia gender «non hanno più potere sulle persone che prima controllavano».

Sciambra è convinto che «guarire è possibile, anche se chiede tempo, perseveranza». Solo «bisogna iniziare da un luogo di onestà: con te stesso, con gli altri e con Dio». Dove possano «essere risanati i rapporti e scoperte nuove e vere amicizie.
Il modo migliore per combattere la pornografia e l’ideologia gender è cominciare in famiglia: i padri devono essere dei veri padri; ogni persona che ho incontrato con pulsioni omosessuali aveva qualche problema con il padre o con una figura adulta maschile. Perciò gli uomini si devono assumere la loro responsabilità di padri molto seriamente. Devono essere modelli virtuosi e avere un comportamento virile verso la donna.
Devono essere forti e risoluti nei confronti dei loro figli. E devono amarli davvero. Perché se non sarai un padre per tuo figlio, ci saranno molti altri uomini a cercare di prendere il tuo posto.»

FONTE Lifesite news https://www.lifesitenews.com/news/gay-porn-actor-left-it-all-for-jesus-after-near-death-experience

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-io-ex-pornodivo-gay-vi-racconto-lingannolgbt-15679.htm

CHRIS .

Annunci