La falsa profezia di Malachia & altre sui ‘due papi’

Immancabile in tante persone la smania di correre dietro alle “profezie”, tanto più gettonate quanto più possono far pensare a una prossima fine del mondo. Come se il 21 dicembre 2012 non avesse insegnato niente!
Gruppi estremisti tradizionalisti, o ai margini della Chiesa (come la setta di MDM e la setta di Gallinaro) e altri seguaci di false o non approvate  rivelazioni private cattoliche, fanno un gran polverone con la presunta “profezia dei due papi“.
La più gettonata è la falsa “profezia dell’ultimo papa o profezia sui Sovrani Pontefici” falsamente attribuita a San Malachia, perchè non appartiene affatto al vero SAN MALACHIA, vissuto dal 1094 al 1148 , ma è un testo inventato e scritto di sana pianta nel 1595!
La spieghiamo meglio in seguito.
Prima ci soffermiamo su una tra le più diffuse, che viene spesso abbinata a quella di Malachia:  è quella tratta dagli scritti della Beata Anna Caterina Emmerick.
Molti tradizionalisti ed anche la stessa falsa veggente Maria Divina Misericordia MDM, sostengono che la “profezia” riguarda la Chiesa dopo il Concilio Vaticano II  e in particolare il rapporto tra Papa Francesco e Benedetto XVI papa emerito. Il testo dimostra chiaramente che questo è del tutto falso.
Le parole trascritte della Emmerick non sono una profezia, ma una visione. Bisogna andare molto cauti con il fare parallelismi pericolosi nell’ambito di un discernimento che spetta soltanto al Magistero della Chiesa!  
Tra l’altro, sappiamo che LA EMMERICK DETTO’ I SUOI SCRITTI AD UN’ALTRA PERSONA. Dal 1819 fino al giorno del suo trapasso, nel 1824, le visioni della Emmerick furono dettate da lei stessa al poeta romanticista Clemens Brentano, che sedette al capezzale della Emmerick  per trascrivere quanto lei diceva: ciò quindi ci mette ulteriormente in guardia dall’ interpretare come ci pare le rivelazioni private!
La visione della Emmerick riguarda la situazione della Chiesa nel 19 ° secolo, e sono identificati i due papi: Bonifacio IV regnò nel 608-615; Pio VII regnò nel 1800-1823. I passaggi rilevanti sono citati qui di seguito:

“Poi ho avuto una visione meravigliosa.

“Roma mi è apparsa improvvisamente nei primi tempi … ho visto un Papa (Bonifacio IV), e un imperatore il cui nome non conoscevo. Non riuscivo a trovare la mia strada nella città, anche le cerimonie sacre; eppure le ho riconosciute come cattoliche …

Papa Bonifacio IV

“Quando avevo assistito a questa visione, anche nei più piccoli dettagli, ho visto ancora una volta l’attuale Papa (Pio VII) e la chiesa buia del tempo a Roma. Sembrava essere una grande, vecchia casa come un municipio con colonne di fronte … [questa descrizione  si adatta ad un tempio massonico di quel tempo].

Poi ho visto la connessione tra i due papi e i due templi … Il quadro era favorevole ai primi tempi, perché in loro l’idolatria era in calo, mentre AI NOSTRI GIORNI è proprio il contrario.

Papa Pio VII
( La vita e le rivelazioni di Anna Caterina Emmerick completi”, pagina 277 e segg.)

Card José Saraiva Martins, prefetto della Congregazione delle cause dei Santi: non autentici gli scritti attribuiti alla Emmerick

«La beata ( Anna Katharina Emmerick, 1774-1824 ) ci ha lasciato di sicuro solo tre lettere.
Gli altri scritti, che le vengono erroneamente attribuiti, hanno diversa origine:
Le “visioni’” della Passione di Cristo furono annotate, rielaborate con grande libertà e senza alcun controllo, dallo scrittore tedesco Clemens Brentano ( 1778-1842 ) e vennero pubblicate nel 1833 con il titolo:
L’acerba passione di nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo.

Pertanto, le opere in discussione non possono considerarsi né scritte né dettate dalla Emmerick e neppure autentiche trascrizioni delle sue affermazioni e delle sue narrazioni,
ma un’opera letteraria del Brentano e con tali ampliamenti e manipolazioni
che è impossibile stabilire quale sia il nucleo vero e proprio da potersi attribuire alla beata.

Ne consegue che gli scritti in questione non sono lo specchio verace del pensiero e delle esperienze mistiche della monaca agostiniana.
Le singole affermazioni, sia quelle che esprimono una sana religiosità, sia quelle che presentano stranezze e sentimenti antisemiti, sono scaturite dalla creatività e dalla fantasia artistica del Brentano».

Lo ha ribadito il cardinale José Saraiva Martins, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, in un articolo pubblicato dall’Osservatore Romano del 7 ottobre 2004.

fonte: 30Giorni – mensile internazionale cattolico (http://www.30giorni.it/in_breve_id_n…g_32125_l1.htm )

CHI ERA DAVVERO SAN MALACHIA?
santo7929big
SAN MALACHIA

Malachia O’Morgair era un monaco irlandese cistercense, arcivescovo di Armagh, vissuto tra il 1094 e il 1148, oggi noto per la Profetia Summis Pontifices che, però, venne alla luce soltanto 450 anni dopo la sua morte, inserita in un’opera in lingua latina del monaco benedettino Arnoldo Wion, Lignum Vitae (1595), il quale la introduce soltanto con queste parole: “San Malachia morì il 2 novembre 1148. Noi possediamo tre lettere di San Bernardo a lui indirizzate, le epistole CCCXIII, CCCXVI e CCCXVII. ‘Si crede’ (quindi non è sicuro) che egli abbia scritto pure qualche opuscolo. Ma di lui non conosco che una certa profezia sui Sovrani Pontefici. Siccome questo scritto è breve e a quanto pare non è stato ancora stampato, lo riproduco qui per rispondere al desiderio di parecchi”.

La profezia in realtà è un elenco di 111 papi, a partire da Celestino II (1143-1144) ognuno dei quali definito da un breve motto in latino che dovrebbe metterne in evidenza il nome, il simbolo, il luogo di provenienza o comunque un elemento che lo contraddistingue. Dopo l’elenco dei 111 papi, nel manoscritto si trova un’intera frase che recita così: “Nella persecuzione estrema, il trono della Santa Romana Chiesa verrà occupato da Pietro il Romano, che pascerà il suo gregge fra molte sofferenze, finite le quali la città dei sette colli verrà distrutta e il tremendo Giudice giudicherà il proprio popolo. Fine (o Amen)”.

La profezia era già tornata di grande attualità dopo la morte di Giovanni Paolo II, che era il 110mo nell’elenco e ovviamente lo è ancora di più da quando Benedetto XVI ha rinunciato al ministero di vescovo di Roma.

L’autenticità della profezia è stata però ripetutamente smentita da una seria ricerca storica. San Malachia non è anonimo monaco, al contrario è stato una figura molto importante della Chiesa irlandese e del monachesimo cistercense. Non per niente San Bernardo ne ha scritto la biografia citando tutti gli aspetti possibili, personali e di governo della Chiesa, senza mai menzionare presunte profezie o rivelazioni personali riguardo al succedersi dei Papi. Il che sarebbe davvero strano se ci fosse stato un manoscritto del genere. Il quale è pubblicato invece per la prima volta, come detto, nel 1595.

In secondo luogo, il riferimento ai Papi precedenti il 1590 è abbastanza preciso, con motti che richiamano lo stemma o il casato, mentre per i Papi successivi il riferimento è molto più vago e diventa possibile solo andando alla ricerca di elementi eterogenei cosa che, tra l’altro, renderebbe possibile la compatibilità con qualsiasi personaggio. Ad esempio, il primo papa della lista, Celestino II, è definito Ex castro Tiberi, con allusione al luogo di origine del Papa, che nacque a Città di Castello, sul fiume Tevere. Eugenio III (1145-1153) è definito Ex magnitudo montis, e anche qui il riferimento è al luogo di nascita: Montemagno, in provincia di Pisa.

Se invece guardiamo ai papi della nostra epoca, le interpretazioni date ai rispettivi motti sono a dir poco forzate. Giovanni XXIII sarebbe Pastor et Nauta (pastore e marinaio) con riferimento al suo mandato di Patriarca di Venezia (antica repubblica marinara) o al ruolo di “traghettatore della Chiesa nel mare della modernità” attraverso il Concilio Vaticano II. Paolo VI è indicato dal motto Flos Forum, fiore dei fiori, definizione che alcuni attribuiscono al giglio: nello stemma di Paolo VI compaiono tre gigli. Giovanni Paolo I èDe Medietate lunae, che molti hanno riferito al fatto che il suo pontificato – 33 giorni – è durato “il tempo di una luna” con riferimento al mese lunare; in realtà il mese lunare è di 28 giorni e mezzo mese lunare, come indica il motto, è quindi di 14 giorni. Giovanni Paolo II sarebbe De labore solis, che alcuni vedono come riferimento alla provenienza da un Paese dell’Est (dove sorge il sole). Benedetto XVI sarebbe poi De gloria olivae, motto che fa faticare non poco gli esegeti di Malachia: l’interpretazione che va per la maggiore fa riferimento al nome Benedetto sostenendo che i benedettini sono chiamati anche olivetani, il che però non è vero in quanto gli Olivetani sono soltanto un ramo riformato del monachesimo benedettino; più recentemente ci si è riferiti al fatto che Benedetto XVI ha canonizzato il fondatore degli Olivetani, san Bernardo Tolomei, ma si vede che per poter rendere credibile la profezia bisogna fare un notevole sforzo di fantasia.

Del resto come non notare che un motto del genere è così vago da potersi adattare a chiunque? A un papa italiano (terra degli ulivi) come a un papa mediorientale o nordafricano (di carnagione olivastra) o anche a un papa impegnato per la pace (l’ulivo è simbolo di pace). Qualcuno prima del conclave che ha poi portato all’elezione del cardinal Ratzinger, aveva visto nella profezia di Malachia un rafforzamento della candidatura al papato del cardinal Martini, ma era sicuramente qualcuno esperto di cocktail, visto che aveva associato l’oliva al Martini.

Un altro elemento sottolineato dai critici è il fatto che nell’interpretazione classica, nell’elenco dei Papi sono considerati anche dieci anti-papa, il che è quantomeno curioso. Per la Chiesa gli anti-papa non possono essere certo inclusi nella successione di Pietro (tanto è vero che l’esistenza di un anti-papa Giovanni XXIII all’inizio del XV secolo non ha impedito che papa Roncalli assumesse quel nome nel 1958) né nella profezia si fa menzione di eventuali anti-papa, come ci si aspetterebbe. Se dovessimo perciò togliere gli anti-papa dall’elenco troveremmo che Benedetto XVI non sarebbe più il 111esimo Papa della lista ma soltanto il 101mo, con tanti auguri agli esegeti per trovare un nuovo aggancio tra persona e motto.

Un ultimo problema riguarda il 112esimo della lista, Petrus Romanus. Secondo alcuni storici si tratterebbe di un’aggiunta al testo inserita nel XIX secolo, ma a parte questo, la profezia non parla di un 112esimo papa. La cosa ha dato adito a due interpretazioni. La prima è che ci possano essere altri papi dopo il numero 111 e prima di Petrus Romanus, che poi nella tradizione è diventato Pietro II: in questo caso la fine della Chiesa e del mondo sarebbe rimandata a data da destinarsi. La seconda è che dopo Benedetto XVI non ci sia un altro Papa, ma un “reggente” che guidi la Chiesa senza che ci siano tempo e condizioni per la convocazione o la conclusione di un conclave.

In questo caso la fine sarebbe davvero prossima: al venir meno di un papa (per morte o, come in questo caso, per rinuncia) la reggenza della Chiesa spetta infatti, fino all’elezione del papa successivo, al cardinale Camerlengo di Santa Romana Chiesa. Quindi, dopo la rinuncia di Benedetto XVI, ci sarebbe dovuto essere come reggente il Camerlengo, che in quel momento era il cardinale Tarcisio Bertone, che era anche segretario di Stato vaticano. Ebbene, il nome completo del cardinale Bertone è Tarcisio Pietro Evasio, nato a Romano Canavese: ed ecco fatto Petrus Romanus, a patto di non farsi domande sul perché Malachia avrebbe indicato il secondo nome e non il primo, e usato come aggettivo (Romanus) il nome della città che in questo caso è sostantivo.

Ma, del resto, quando si è fermamente intenzionati a credere al catastrofismo apocalittico, si prende per buono tutto ed il contrario di tutto….

Fonti: Libro «2012 – Catastrofismo e fine dei tempi», Piemme

http://mariadivinemercytrueorfalse.blogspot.it/2016/03/blessed-anne-catherine-emmerich.html#more

Annunci

Papa Francesco ringrazia e incoraggia il FAMILY DAY :”Voi avete retta coscienza cristiana “

family-day-francesco-300x200“Andate avanti così”: questo l’incoraggiamento del Papa a Massimo Gandolfini, presidente del “Comitato Difendiamo i nostri figli”, durante l’udienza del 29 aprile 2016 in Vaticano. “Molte sono le sfide che stiamo affrontando”ha spiegato Gandolfini in un’intervista
a Radio Vaticana,dopo l’incontro con il Pontefice.

Gandolfini – Il Papa si è detto molto soddisfatto; era al corrente dei due “Family Day” del 20 giugno 2015 e del 30 gennaio scorso; ho chiesto proprio esplicitamente se poteva darmi una parola e sostanzialmente il Papa ha detto: “Sono molto contento;  vi ringrazio per quello che state facendo”; e io gli ho posto proprio la domanda esplicita: “Dobbiamo andare avanti? Vuole dare qualche correzione?”. Mi ha detto: “Andate avanti così; siate un laicato forte, ben formato, con una retta coscienza cristiana”. E poi: “Agite liberamente”.

Io ho fatto presente al Santo Padre che noi non siamo “contro” nessuno e che quando veniamo rappresentati come omofobi, come qualcuno che ce l’ha con le persone di pari sesso eccetera, ho detto al Santo Padre che è una rappresentazione falsa: perché personalmente e anche come comitato non siamo schierati “contro” nessuno. Siamo schierati “contro” delle ideologie che sono anche rappresentate per legge. Io ho parlato al Santo Padre della legge che purtroppo ormai sta arrivando alla fine, quella sulle unioni civili e ho detto al Santo Padre che questa è una pessima legge perché paragona e omologa le unioni tra persone di pari sesso alla famiglia con tutta la cascata di cose orribili. Ho parlato al Santo Padre anche dell’utero in affitto, della “stepchild adoption”, di tutte queste cose, per cui è “contro” questo tipo di azione legislativa e di mentalità, di cultura che noi ci schieriamo.

D. – Proprio su questo punto, il 9 maggio inizia di fatto la discussione alla Camera. Se il calendario chiude e viene rispettato, il 12 ci sarà il voto finale. Come vi preparate per questa data?

Gandolfini  – Innanzitutto, questa data è significativa perché il 12 maggio 2007 ci fu il primo “Family Day” ed è impressionante che probabilmente la legge passerà proprio il 12 maggio, probabilmente con il voto di fiducia che il governo deciderà di metterci.

Noi abbiamo intenzione già di intraprendere alcuni percorsi. Il primo percorso è quello costituzionale. Stiamo già facendo appello direttamente al presidente della Repubblica perché vagli con estrema attenzione e rigore i profili di incostituzionalità che una sessantina di specialisti costituzionalisti e uomini di scienze giuridiche gli hanno presentato: perché i profili di incostituzionalità di questa legge ci sono e sono più d’uno, sono tanti. In più, faremo naturalmente anche un appello alla Corte costituzionale, più o meno per gli stessi principi e poi, naturalmente, cercheremo di muoverci il più possibile per vedere se, in un futuro forse neanche così lontano, non possiamo prendere in considerazione un referendum abrogativo.

D. – La prossima sfida del Comitato “Difendiamo i nostri figli”?

18608966525_71242f594a_b
Papa Francesco :No a ideologia gender e a matrimoni gay

Gandolfini – Bè, la prossima sfida, cioè quella che abbiamo più vicina: innanzitutto, faremo una convention, una seconda convention, un incontro dei nostri comitati, dei nostri simpatizzanti sul territorio il 28 maggio, qui a Roma. E magari ci sarà l’occasione di poter dire qualcosa di più. Stiamo continuando a lavorare molto con il Ministero per quanto riguarda la scuola, il famoso “comma 16, art. 1 della legge 107”, per avere una garanzia assoluta che in Italia, quando si parla di genere, si intende sesso. Guardi, se semplicemente si accettasse l’idea di scriverlo nero su bianco – per la cultura e la tradizione italiana, genere è sesso, maschile e femminile – si capirebbero tante confusioni, tanti malintesi e potremmo essere tutti molto più tranquilli e sereni.

Non sarà certamente contento il “progressista” Massimo Faggioli, che aveva parlato di «grande freddo» tra il Papa e il Family Day, oggi si è rivelata una giornata di grande freddo sulla sua attendibilità come opinionista!  In realtà, che Papa Francesco fosse ben a conoscenza del Family Day lo si era capito dall’approvazione da parte della Conferenza Episcopale Italiana, nonché dal suo netto intervento a pochi giorni dal 30 gennaio, quando disse: «la Chiesa ha indicato al mondo che NON PUO’ ESSERCI CONFUSIONE TRA LA FAMIGLIA VOLUTA DA DIO E OGNI ALTRO TIPO DI UNIONE . La famiglia, fondata sul matrimonio indissolubile, unitivo e procreativo, appartiene al “sogno” di Dio e della sua Chiesa per la salvezza dell’umanità. Per mezzo del matrimonio e della famiglia Iddio ha sapientemente unite due tra le maggiori realtà umane: la missione di trasmettere la vita e l’amore vicendevole e legittimo dell’uomo e della donna, per il quale essi sono chiamati a completarsi vicendevolmente in una donazione reciproca non soltanto fisica, ma soprattutto spirituale».

family-day-830x464
NO ALLA LEGGE CIRINNA’ ,Comitato Difendiamo i nostri figli 

Papa Francesco era anche intervenuto pochi giorni prima del referendum sloveno sull’abrogazione del matrimonio gay, vinto dai sostenitori della famiglia, invitando i pellegrini sloveni a «sostenere la famiglia, struttura di riferimento del vivere sociale», esprimendo «apprezzamento all’intera Chiesa slovena in favore della famiglia» e incoraggiando «tutti, specialmente quanti hanno responsabilità pubbliche, a sostenere la famiglia, struttura di riferimento del vivere sociale». Il 14 novembre 2014, infine, Papa Francesco aveva anche incontrato una delegazione di responsabili della Manif Pour Tous“ italiana, l’associazione in difesa della famiglia naturale, congratulandosi con loro per l’importanza dell’attività svolta.

Fonti :Radio Vaticana,Uccr

Santa Caterina da Siena,gli Angeli di Dio e l’inferno

29 aprile Memoria liturgica di Santa Caterina da Siena ,Dottore della Chiesa  e Patrona d’Italia insieme a San Francesco d’Assisi e dal 1999 è anche compatrona d’Europa, insieme a Edith Stein (Santa Teresa Benedetta della Croce) e S.Brigida di Svezia,S. Benedetto di Norcia e Santi Cirillo e Metodio.

Caterina nasce a Siena nel 1347. Ultima dei venticinque figli del tintore Jacopo Benincasa, a dodici anni è promessa a un giovane senese, ma la giovane rifiuta il matrimonio combinato dai genitori (secondo le consuetudini del tempo), e per apparire meno bella si taglia i capelli. La reazione dei genitori è molto dura: la obbligano ai lavori più umili e pesanti. La punizione familiare cessa quando il padre, vedendola pregare, si rende conto che non è come le altre figlie. Libera di seguire la sua strada, veste l’abito delle Mantellate del Terzo Ordine domenicano e per tre anni si ritira in silenzio quasi assoluto nella sua casa.

saint-catherine-of-siena-13
MATRIMONIO MISTICO CON GESU’ ,VISIONE DI S.CATERINA DA SIENA

A vent’anni le appare Gesù con Maria e altri santi, le pone l’anello nuziale al dito e, in una successiva visione, le chiede di dedicarsi al rinnovamento della Chiesa. Caterina inizia così il suo impegno nella vita pubblica, percorrendo le strade non solo di Torino e d’Italia. Numerose  personalità del tempo, uomini e donne, politici e cardinali, religiosi e laici, sono toccate dal suo carisma e si stringono attorno a lei, scegliendola come loro madre e maestra. Pur essendo semianalfabeta, dètta un importante trattato di mistica, numerose lettere e poesie, indicando Gesù come guida e modello per tutti. …

 

La sua carità verso i poveri e i malati, l’assistenza ai condannati a morte e le conversioni che seguono, attirano l’attenzione e l’entusiasmo del popolo semplice che la ritiene una santa, ma le procurano anche tante calunnie . A Pisa, nella Chiesa di Santa Cristina, nel 1375, riceve le stimmate, quale segno della sua perfetta identificazione con il Crocifisso; cinque piaghe che rimangono invisibili per significare i dolori soprattutto morali che avrebbe sopportato per l’unità della Chiesa.

Le sue lettere raggiungono anche PAPA URBANO VI  (lo chiama “IL DOLCE CRISTO IN TERRA”), che risiede esule ad Avignone, chiedendogli di porre fine al lungo esilio e fare ritorno coraggiosamente a Roma. Una lettera splendida ,in cui Santa Caterina esorta il Papa a ritornare “NEL LUOGO VOSTRO “, Roma, e a non temere le calunnie e i vizi dei nemici che lo hanno percosso e non lo riconoscono come Papa :”io vedo che nel luogo vostro,(Roma), che SIETE CRISTO IN TERRA, si vede l’inferno di molte iniquità, col veleno dell’amore proprio; il quale amore gli ha mossi a levare il capo contra di voi, non volendo sostenere la Santità vostra che vivessero in tanta miseria…..E sostenendo Voi senza colpa le percosse di questi iniqui, che col bastone vogliono percuoter la Santità vostra, riceverete la luce.
Perocché la verità è quella cosa che ci libera. E perchè verità è, che eletto dallo Spirito Santo e da loro, Vicario Suo siete, la tenebra della bugia e della eresia, la quale hanno levata, non potrà contra questa luce
 ” .

(Lettera a Papa Urbano VI http://www.veniteadme.org/la-lettera-di-santa-caterina-da-siena-papa-urbano-vi/)

Stremata dalla fatica di una vita intensa, Caterina si spegne a Roma il 29 aprile 1380 a soli trentatré anni. Canonizzata nel 1491, è proclamata dottore della Chiesa da Paolo VI nel 1970. Protettrice delle infermiere italiane, è invocata dalle donne contro l’asportazione del seno, nonché contro la cefalea e le pestilenze.

In una rivelazione Gesù le parla delle pene dell’INFERNO  e dichiara: “ (a. 1378, Il Dialogo, cap. XXXVIII): Figliola, la lingua non è sufficiente a narrare le pene di queste poverelle anime. Come sono tre i principali vizi: cioè l’amor proprio, da cui nasce il secondo cioè la propria reputazione, da cui procede il terzo, cioè la superbia con falsità ed ingiustizia e crudeltà, e con altri iniqui ed immondi peccati che dopo questi seguono”. Ed ancora (Cap. XL)  : “E’ tanto l’odio che i dannati hanno che non  possono volere né desiderare alcun bene, ma sempre mi bestemmiano. E sai perché essi non possono desiderare il bene? Perché, finita la vita dell’uomo, è legato il libero arbitrio, e perduto essi hanno il tempo. Se essi finiscono in odio con la colpa del peccato mortale, sempre per divina giustizia sta legata l’anima col legame dell’odio, e sempre sta ostinata in quel male che ella ha”.

Durante un dialogo con il Padre eterno, Santa Caterina riporta le parole di Dio sulla  divina Provvidenza  e sull’intervento degli Angeli di Dio nella vita umana: “A volte essa (la Provvidenza di Dio) si esercita sui grandi servitori senza passare per la creatura, direttamente, così come hai provato tu stessa e come hai sentito dire dal glorioso padre san Domenico. Il beneamato servitore vide un giorno che i monaci non avevano nulla da mangiare e disse, pieno di fede e certo che Io l’avrei soccorso: ‘Figli miei, sedetevi’. Obbedendogli, i monaci si sedettero alla tavola. Allora Io, che aiuto tutti coloro che ripongono le proprie speranze in Me, inviai DUE ANGELI  a portare dei pani bianchissimi in così grande quantità che bastarono per molti pasti. Ecco un esempio in cui la Mia Provvidenza agisce senza il tramite dell’uomo e solo attraverso la clemenza dello Spirito Santo”.

0429-wIL MIRACOLO DEL CUORE DI SANTA CATERINA

Secondo il suo confessore e storico Beato Raimondo da Capua, Santa Caterina da Siena recava una cicatrice sulla sinistra del petto, come attestavano le compagne che l’avrebbero vista molte volte. E per il biografo la cicatrice era prova del fatto che il Signore aveva squarciato il petto della Santa, per prenderle il cuore e restituirglielo tempo dopo, purificato e risplendente. Ma già prima la Santa aveva avuto i dolori della corona di spine, quindi, nel 1375, aveva ricevuto le sacre stigmate. Racconta Raimondo da Capua, testimone e confidente: “La prudentissima vergine m’aggiungeva di aver sperimentato nel proprio corpo qualcosa di ciascun patimento di Lui; qualcosa, stimando impossibile di poter sostenere tutta intera la Passione di Gesù. Diceva pure che il maggior dolore sofferto dal Crocifisso fu nel petto, a causa della disgiunzione delle ossa, e in prova di questo lei adduceva i dolori del proprio corpo: tutti le erano passati, ma quello no. Benché ogni giorno lei soffrisse continuamente di dolori ai fianchi e al capo, confermava che i dolori del petto erano impossibili, né per lei, né per lo stesso Salvatore. Le ossa del petto, infatti, disposte dalla natura a protezione del cuore e dei polmoni, non possono disunirsi senza che il cuore non ne risenta fortemente e ,forse, eccetto per miracolo, non potrebbe accadere ad un altro senza morirne (…) Dopo che il corpo della santa vergine provò la passione,che le durò molti giorni, si indebolirono senza dubbio le sue forze, ma moltiplicò l’amore nel suo cuore (…). La forza di quell’amore fu tale, che il cuore della vergine si divise nel mezzo in due pareti, e così, rotte le vene vitali, solo a causa della veemenza del Divino Amore, e non per altra cagione, lei spirò. Molti furono i testimoni presenti a questa morte, e alcuni sono ancora vivi, i quali lo dissero a me per primo. Allora mi recai da lei serio serio, e con ogni attenzione cercai di frugare nel suo pensiero, e la supplicai di dirmi la verità. Invece di rispondermi, diede in un pianto dirotto. Passato del tempo, finalmente mi disse: “Padre, avreste voi compassione di un ‘anima la quale, liberata da un carcere tenebroso, dopo aver veduto, sia di nuovo rinchiusa nelle tenebre? Quell’infelice sono io! Tutto ciò è accaduto a me per le mie colpe, avendo così disposto la provvidenza di Dio”. Queste parole accrebbero la mia curiosità di sapere come si era svolta una cosa così portentosa, e le domandai: “Figlia cara,ma l’anima tua fu veramente separata dal corpo?”. E Lei: “Il fuoco del Divino Amore, e il desiderio di unirmi a Colui che io amo, erano tanto accesi, che se anche il mio cuore fosse stato di pietra o di acciaio si sarebbe spezzato ugualmente e aperto”.

santacaterinadasiena.png

Don Marcello Stanzione

http://www.santiangelididio.org/2-uncategorised/223-santa-caterina-da-siena-e-gli-angeli.html

FAMIGLIE ROVINATE DALLA SETTA DI MDM e da settarismi analoghi

mdmdevil
MDM ,Maria Divina Misericordia,una dei tanti falsi profeti sorti oggi contro Papa Francesco

Sempre di più ci giungono da ogni parte d’Italia APPELLI ALLARMANTI  da parte di madri e mogli disperate perchè i loro mariti o fidanzati trascurano le loro famiglie ,trascurano i loro veri affetti ed il lavoro e le loro responsabilità (che sono i doveri primari di un buon cristiano!) ,per  seguire a tempo pieno gruppi falsamente “cattolici” di “rosarianti” che impongono catene di preghiera “secondo i messaggi della falsa veggente Maria Divina Misericordia” (l’irlandese Mary Carberry che sul web si spaccia per Mary Divine Mercy) ,che invita a “pregare affinchè Papa Francesco muoia o se ne vada dal Vaticano,perchè il Papa sarebbe l’alleato dell’Anticristo e l’apocalisse è vicina”…

Gruppi che si riuniscono sui socialnetwork,con messaggi martellanti,preghiere ossessive dettate dall’inquietudine e dalla paura (non dalla Fiducia nella Divina Provvidenza e nelle Promesse di Cristo: queste preghiere sono vane ,perchè non sono preghiere NELLA VOLONTA’ DI DIO),poi si danno appuntamento in “FALSI GRUPPI DI PREGHIERA” in varie località italiane …LO SCOPO DI SATANA E’ SEMPRE QUELLO DI DIVIDERE CHI SI AMA E DI TOGLIERE LA SPERANZA E LA FIDUCIA NELLA CHIESA E NELLE PROMESSE DI CRISTO :in primis,satana mira a dividere i coniugi ed ogni persona dai propri veri affetti ,perchè il suo scopo è di indurre l’irretito a vedere nemici ovunque (tranne dentro se stesso!),quindi ad inveire anche contro i propri cari ,se questi ultimi non si adeguano alle sue ossessioni ; l’obiettivo è quello di insinuare dubbi e sfiducia verso il Papa ,per allontanare i fedeli dalla Chiesa e così poterli far dominare da santoni sètte ed opinionisti catastrofisti di turno !  E così aumentano depressioni angosce e mali spirituali e famiglie sfasciate.

QUELLA DI MDM NON E’ LA SOLA SETTA CHE PREDICA GLI STESSI INGANNI DIABOLICI e provoca gli stessi enormi danni ai fedeli: purtroppo tanti sacerdoti non conoscono la terribile diabolica insidia dei “messaggi di MDM” contro la Chiesa e di altri gruppi scismatici analoghi,che abbiamo trattato in questo blog,come la “Chiesa universale della Nuova Gerusalemme” sorta a Gallinaro in provincia di Frosinone ,e vari gruppi similari che ,sbandierando la presunta “difesa dell’ortodossia della Chiesa” ,si dedicano quotidianamente alla diffamazione calunniosa ed insidiosa di Papa Francesco .IN DEFENSE OF POPE FRANCIS

IL PECCATO GRAVE DI SCISMA FORMALE :IL NON RICONOSCERE IL PAPA .

Per tutti coloro che commettono l’apostasia,o eresia, o scisma formale,vi  è la scomunica latae sententiae (automatica).

 Can 751 L’eresia è la negazione ostinata o il dubbio ostinato dopo la ricezione del battesimo di una qualche verità che si deve credere per fede divina e cattolica; l’apostasia è il ripudio totale della fede cristiana; lo scisma è il rifiuto della sottomissione al Sommo Pontefice o della comunione con i membri della Chiesa a lui soggetti.

Canon 1364 §1: apostata dalla fede, un eretico o scismatico incorre nella scomunica latae sententiae.

E ‘tristemente ironico che alcuni cattolici si sono tagliati automaticamente  fuori dalla Chiesa,accusando falsamente  il Papa di aver cessato di essere un membro della Chiesa, ma da questo rifiuto del Papa, essi stessi hanno cessato di essere membri formali della Chiesa.

E’ Cristo che ci garantisce l’infallibilità del Suo Vicario in terra ,il Papa ,in materia di fede e di morale e di custodia della dottrina millenaria della Chiesa. E questo indipendentemente dalla sua impeccabilità o meno come persona : QUESTO E’ CIO’ CHE TUTTI I SANTI HANNO Su_questa_pietra_b2SEMPRE SEGUITO E CREDUTO .Le  Promesse di Cristo nel Vangelo ci garantiscono che la Chiesa è Santa in virtù della Santità di Cristo stesso che l’ha fondata e che ci ha garantito che la Chiesa  ,anche se tra le tempeste della storia ,tra Santi e peccatori, vivrà in eterno protetta ispirata ed amata da Cristo, fino alla fine dei tempi ,perchè la Chiesa appartiene a Cristo e Maria è Madre della Chiesa !

Gesù ha garantito l’indefettibilità della Chiesa, cioè che la Chiesa non può  andare MAI fuori strada, e che Pietro e i suoi successori sono la Roccia su cui si fonda l’indefettibilità della Chiesa (Mt 16: 17-19). Così accusando il Papa di eresia, SI ACCUSA GESU’ DI MENTIRE  e di non riuscire a proteggere la Sua Chiesa. Gesù ha pregato affinchè LA FEDE DI OGNI PAPA NON VENGA MAI MENO ,quindi abbiamo l’Autorità indiscussa di Cristo sul Papato.(Vangelo di Luca,22:32)

Nessun Papa può mai commettere l’apostasia o l’eresia o scisma, perché la grazia di Dio assolutamente lo impedisce, per il bene della Chiesa e dei fedeli.

E se c’è chi sostiene che i vari Santi e Dottori della Chiesa avrebbero detto che il Papa può commettere l’eresia, la mia risposta è che le opinioni dei Santi sono sempre soggette agli insegnamenti del Magistero.San Tommaso D’Aquino ,grande Dottore della Chiesa, commise un errore nella Summa Theologica sulla Immacolata Concezione. Il Magistero, in un secondo momento, definitivamente risolse la questione contraddicendo la sua opinione. E non siamo liberi, oggi, di mantenere la sua opinione in quel merito, anche se S.Tommaso rimane sempre un santo e dottore della Chiesa. Noi siamo sotto l’autorità del Papa e dei Vescovi, così com’era.

E nessun Santo o Dottore della Chiesa ha mai accusato alcun Papa di eresia. Alcuni hanno scritto circa il mero caso ipotetico. Ma nessuno ha mai fatto una tale accusa, come alcuni cattolici ignoranti e arroganti stanno facendo oggi .

Chi vive in uno stato di grazia è un membro della vera Chiesa, almeno implicitamente. Ma apostati, eretici, scismatici non sono più membri formali della Chiesa, anche se dicono di   “seguire la loro coscienza”. Almeno certa gente sappia che sta ricevendo Comunioni sacrileghe,perchè dal momento che non riconosce il Papa come tale, non riconosce neanche l’Autorità di Cristo nella Chiesa. Quindi queste persone sono in stato di SCISMA FORMALE.

  • Articolo tratto e tradotto dal libro IN DIFESA DI PAPA FRANCESCO del teologo cattolico romano e traduttore della Bibbia  RONALD L. CONTE  Jr. Questo testo ha il pregio di contenere teologia dogmatica millenaria ed incostestabile sulla natura divina della Chiesa e del Papato http://www.amazon.com/Defense-Pope-Francis-Ronald-Conte-ebook/dp/B015YH15DY/

 

MARIA NOSTRA FORZA E NOSTRA DIFESA

consacrazione_408qvqnb.pngarticolo di PADRE FRANCESCO BAMONTE, sacerdote esorcista, religioso dei Servi del Cuore Immacolato di Maria, Presidente dell’Associazione Internazionale Esorcisti.

S. LUIGI MARIA GRIGNION DA MONFORT nel «Trattato della vera devozione a Maria» ci invita a fare la Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria perchè Lei con la sua Umiltà vince sempre ogni male, Lei è la nostra difesa potente contro il maligno e contro le sue menzogne: i demoni La temono moltissimo, perchè  MARIA, Madre di Cristo Dio, è MADRE DELLA CHIESA e Madre nostra, vero Aiuto dei Cristiani:

«Dio non ha mai fatto o formato che una sola inimicizia, ma irriconciliabile, che durerà, anzi aumenterà sino alla fine: quella fra Maria, Sua degna Madre, e il diavolo; tra i figli e i servi della S. Vergine, e i figli e i seguaci di Lucifero; così che la più terribile nemica del diavolo, creata da Dio, è Maria, la Sua Santa Madre. Egli le donò fin dal paradiso terrestre, quantunque ella non fosse ancora che nella sua mente, tanta abilità per scoprire la malizia di questo antico serpente, tanta forza per vincere, atterrare, umiliare quest’empio orgoglioso, che egli la teme non solamente più degli angeli e degli uomini, ma, in un certo senso, più di Dio stesso. Non già che la potenza di Dio non sia infinitamente più grande di quella della Santissima Vergine, poiché Maria è la Creatura tutta pura e la più eletta da Dio, ma è sempre una Creatura; ma prima di tutto perché Satana essendo orgoglioso soffre infinitamente di più d’essere vinto e punito da una piccola e umile serva di Dio: l’umiltà di Lei lo umilia più che la potenza di Dio.

In secondo luogo perché Dio diede a Maria un potere così grande contro i demoni che essi temono di più, come essi stessi furono obbligati a confessare loro malgrado per bocca degli ossessi, uno solo dei suoi sospiri per qualche anima, che le preghiere di tutti i santi, una sola delle sue minacce contro di essi che tutti gli altri tormenti. ….L’umile Maria avrà sempre vittoria sopra questo orgoglioso, una vittoria così grande da giungere fino a schiacciargli la testa ove risiede il suo orgoglio. Ella scoprirà sempre la sua malizia di serpente, ne sventerà i piani infernali e dissiperà i diabolici consigli e difenderà sino alla fine del mondo i suoi servi fedeli da quei crudeli artigli» (Trattato della vera devozione a Maria cfr. n°50.7; 51-52; 54).

«Porrò inimicizia fra te e la Donna». Genesi 3,15

Nel libro dell’Apocalisse 12,1-4, ci viene descritta una lotta implacabile tra una Donna vestita di sole che rappresenta Maria e la Chiesa e un enorme drago rosso che rappresenta il diavolo, Satana. Il libro dell’ Apocalisse descrivendo questa lotta, fa una profezia della battaglia fra la luce e le tenebre, fra il bene e il male, fra l’odio e l’amore, fra le schiere di Dio e le schiere di Satana, iniziata fin dall’origine del mondo e che si concluderà alla fine dei tempi quando le forze demoniache saranno definitivamente sconfitte con la vittoria finale di Cristo su Satana. Nelle prime pagine della Bibbia, nel libro della Genesi 3,15 a riguardo di questa lotta di Dio contro Satana, troviamo un’altra profezia che attraversa tutta la storia dell’umanità permettendoci di comprenderla in profondità: «Porrò inimicizia fra te e la Donna». È l’annuncio dell’opposizione irriducibile che vi sarebbe stata tra Satana, l’angelo superbo escluso dal Cielo, e l’umilissima Maria, la Madre del Redentore.
Il diavolo aveva trascinato l’umanità alla rovina con la collaborazione di una donna. E Dio oppone un’altra Donna, questa volta sottomessa e fedele, con il compito di vincere il diavolo strappandogli le anime redente dal sangue del Figlio. Questo è il significato profondo delle parole di Dio: «Io porrò inimicizia tra te e la Donna». Invano si cercherebbe di comprendere la storia umana, con le sue grandezze e le sue miserie, con i suoi slanci di bene e i suoi abissi di malvagità, se non alla luce di questa inimicizia irriducibile, che ha come campo di battaglia i cuori degli uomini di generazione in generazione, fino a quando il Signore GESU’ trionferà definitivamente. 

I SACERDOTI CHE ESERCITANO IL MINISTERO PASTORALE DEGLI ESORCISMI, quando nominano la Madonna, sperimentano come i demoni, per il loro grande odio e disprezzo nei suoi confronti, s’infuriano grandemente e senza osare mai di chiamarla per nome, dicono “quella”, e poi a “quella” aggiungono espressioni piene di ingiurie nei suoi confronti.
Dice S. Bonaventura che Maria è come un fuoco e come la cera si liquefa al calore del fuoco, così i demoni perdono le forze con le anime che si ricordano spesso del Santo Nome di Maria e l’invocano devotamente, tanto più se queste cercano d’imitarla.

E S. Alfonso Maria de Liguori ci dice: «Oh, come tremano i demoni dell’inferno nel vedere Maria e nell’udire il suo bel nome. Beato chi nelle battaglie con l’inferno, invoca sempre il bel nome di Maria. Quante vittorie su questi nemici hanno riportato i devoti di Maria con il suo santissimo nome».
S. Tommaso da Kempis dice: «Non si teme sulla terra un grande esercito di nemici armati, quanto le potenze dell’inferno temono il nome della Vergine e la sua protezione su una persona. I demoni cadono abbattuti nell’udire il nome di Maria. Al tuono di questo grande nome il demonio fugge e l’inferno trema».

CARI FRATELLI, la Divina Misericordia ha affidato la difesa della nostra anima alla sollecitudine materna della Piena di grazia, Nostra Madre Maria. La lotta implacabile fra la Donna vestita di sole e il dragone infernale ha come posta in palio le nostre anime, gemme preziose delle quali non vi è nulla di più caro a Dio nella creazione. Non è forse per salvare le nostre anime che il Verbo si è fatto carne e ha versato il Suo sangue sulla croce?

MADONNA E GESU' PICMIXA Maria  Madre della Chiesa e dell’umanità, GESU’ Redentore ha affidato tutte le anime, perché le proteggesse.
In Lei, nel suo Cuore Immacolato, noi troviamo rifugio, dentro al suo Cuore Immacolato siamo come dentro ad una fortezza e non temiamo l’aspra battaglia. Lei smaschera l’ingannatore e il profumo delle sue virtù lo fa indietreggiare.

Nella lotta quotidiana contro Satana rivestiamoci dell’armatura di Maria. La presenza e la materna protezione di Maria, sono un esorcismo al quale Satana non può resistere. Sia Maria nella nostra anima, nei nostri pensieri, nei nostri sentimenti e in tutto il nostro essere. Chi si affida e si consacra al Cuore Immacolato di Maria e vive questa consacrazione attraverso la preghiera del Santo Rosario, il sacrificio e il digiuno, cammina sotto la sua protezione, riuscirà a sfuggire a tutte le insidie del nemico infernale, si salverà lui e salverà anche tanti altri con lui.
Con queste armi, Maria, come il giovane Davide invia il suo popolo ad affrontare il gigante Golia confidando nel nome del Signore. Queste armi sono mezzi incomprensibili ai grandi del mondo, i quali si chiedono quali possibilità abbiano strumenti di questo genere per farci uscire dalla strettoia infernale nella quale si sono cacciati. In realtà Satana conosce queste armi per lui micidiali e le teme, mentre usa a suo piacimento quelle costruite dalla stoltezza degli uomini. Per quale motivo saranno questi mezzi umili, semplici e apparentemente inefficaci, a salvare il mondo? La ragione per chi ha gli occhi limpidi della fede, è evidente. La preghiera, i sacrifici e il digiuno, sono una richiesta fiduciosa rivolta a Dio perché intervenga Lui stesso con la sua potenza, laddove gli uomini sono impotenti. Nel momento dell’oscurità, dell’angoscia e della disperazione solo Dio potrà venire in nostro soccorso, ma è necessario che Maria possa presentarsi a Dio portandogli le nostre preghiere, i nostri sacrifici, i nostri digiuni. E allora tutti i figli e servi di Maria diventeranno con lei la potente intercessione presso Dio, che salverà il mondo. Queste armi apparentemente senza forza, otterranno che intervenga Colui che tutto può. Allora quella salvezza che agli occhi degli uomini pareva impossibile, per grazia divina diventerà possibile.

PREGHIERA3380437_4c865

In questo momento denso di pericoli che l’umanità deve affrontare, a Te ci rivolgiamo o Maria perché sappiamo che Tu sei la Mamma che non ci abbandona, Tu sei la Regina vittoriosa che combatte e la Madre premurosa che ci protegge. Mentre Satana macchina le sue trame di distruzione e di morte, Tu prepari i tuoi piani di misericordia e di salvezza. Nell’oscurità di un mondo senza cuore, Tu continuamente accendi le fiamme della fede e dell’amore. Nell’ora in cui la diga del peccato e dell’odio trabocca, minacciando di travolgere la terra, Tu fai argine con l’esercito dei tuoi figli, umili e fedeli, che hanno risposto con prontezza alla tua chiamata.

O Maria, Tu che sei l’Aiuto dei cristiani, sei  la Madre della Chiesa,  proteggi sempre la Chiesa di tuo Figlio Gesù Nostro Vero Dio e nostro Salvatore! O Madre dell’umanità, salva gli uomini dall’ eterno nemico. O Donna incoronata di stelle, schiaccia la testa alla serpe orgogliosa con la tua potenza regale. Il Tuo Cuore Immacolato trionferà sempre . Amen, Alleluja !

Padre Francesco Bamonte esorcista, Presidente dell’Associazione Internazionale Esorcisti.

Riti satanici nelle Terme di Stabia: testimonianza di Ornella,salvata da una setta satanica

Castellammare di Stabia aprile 2016 – Le Terme di Stabia,abbandonate al degrado, si trasformano in un covo di “Figli di Satana”, con tanto di riti satanici, atti sessuali e la comparsa sui muri e sul pavimento dello stabilimento termale di macchie rosse sangue e scritte inequivocabili,inneggianti a satana. E’ quanto riportato in esclusiva,sull’edizione cartacea di “Outside Free Press Indipendente” del Direttore Responsabile, Genny Manzo e del Vice Direttore, Ciro Serrapicascre-1024x57647_-e1460220404965-672x372

Già il 9 luglio del 2015 il dilagare di sette sataniche nella zona convinse alcuni membri di un gruppo di preghiera di Castellammare di Stabia, con l’aiuto di alcuni imprenditori, a noleggiare un elicottero per invocare la benedizione sulla città  con un esorcismo dal cielo .L’iniziativa è di un sacerdote di Cava dei Tirreni (Salerno), che raccoglie ogni settimana numerosi fedeli in un santuario della zona per la preghiera e la meditazione. Dietro l’idea vi è l’aumento di profanazioni, furti sacrileghi nelle chiese ,furti di S.Ostie consacrate e danneggiamenti di croci e vandalismo nei cimiteri in tutta la zona.Tanti episodi dissacranti anticristiani che si ripetono ,insieme al dilagare della criminalità e del degrado.12970733_10207874465931863_796150673_o-300x200  

sette-sataniche-4

LA TESTIMONIANZA DI ORNELLA ,FINITA NELLE MANI DI UNA SETTA SATANICA .Orrore a Pomigliano D’Arco: costretta a bere sperma umano e sangue di gatti sacrificati,abusata sessualmente nelle messe nere. Stava per morire.

Ornella oggi ha 22 anni ed è malata di anoressia. In passato ha tentato due volte il suicidio. Segue settimanalmente un programma di recupero al centro antiviolenza Criminalt di Napoli. I suoi carnefici – nonostante le denunce alla polizia – sono riusciti a farla franca perché non è stato possibile dimostrare che la ragazza non fosse consenziente quando prendeva parte ai rituali satanici.

“Il peggio sembra essere alle spalle”, spiega a Retenews24 Mariarosaria Alfieri, la specialista che la tiene in cura: “Il percorso di recupero è ancora lungo e deve fare i conti con danni psicologici irreparabili. Il lavoro di ricostruzione della terribile vicenda umana è stato difficile e si è scontrato con la condizione fisica non ottimale della paziente”. La dottoressa Alfieri chiarisce che il racconto del dramma di Ornella ha una finalità principalmente preventiva per evitare che altri giovani cadano nella trappola delle sette sataniche.

Una storia cruda quella di Ornella caduta per amore in una setta satanica. Il suo calvario ha inizio nel 2009 quando con la famiglia si trasferisce da Frosinone a Pomigliano D’Arco. È sola, senza amici, Ornella che ha appena 19 anni cerca rifugio nelle chat dove conosce Maurizio, un ragazzo napoletano di cui si innamora perdutamente. E’ un momento difficile per la giovane che da poco ha perso il padre, Salvatore, per una malattia incurabile. Con Maurizio ritrova il sorriso. Il passo verso l’inferno è, però, breve e repentino. Il fidanzato fa parte di una setta satanica.

E’ il novembre del 2010 quando Ornella fa il suo ingresso nel gruppo di Satana partecipando ai rituali. Costretta a pulire escrementi di animali e di altri adepti, raccoglierli a mani nude. Quando durante qualche riunione, o meglio rituale, sgozzavano i gatti, Ornella doveva bere il loro sangue. Un solo giorno a settimana la facevano mangiare abbondantemente e le somministravano gli energizzanti. Agli incontri dove erano presenti sia uomini che donne lei doveva presentarsi nuda. Tutti gli astanti abusavano di lei e lo sperma umano misto al sangue dei gatti veniva raccolto in alcuni vasetti che poi doveva ingoiare. La giovane mente alla famiglia, ma ad un certo punto crolla. Si ammala. Sviene di continuo non riesce più a reggersi . Il gruppo ha paura che possa morire, e tra l’altro in quelle condizioni Ornella non serve più a nessuno. La ragazza viene scaricata da una macchina fuori la porta di casa con addosso jeans maschili. Comincia il suo secondo calvario tra ospedali e programma di recupero. I suoi carnefici vengono denunciati alla polizia. Non ci sono prove per incastrare il gruppo satanico. Solo il racconto di una ragazza che adesso cerca di ritrovare una vita normale grazie all’associazione Criminalt.

Fonte: Rete News 24 http://www.retenews24.it/…/orrore-a-pomigliano-darco-costr…/

 

La reincarnazione è incompatibile con la fede cristiana nella Resurrezione

 

slide_46La credenza nella reincarnazione è assolutamente incompatibile con la fede cristiana nella risurrezione ,perchè predica la separazione tra spirito e materia. Molti cristiani credono nella  reincarnazione perché ignorano la propria fede, e questo ha portato a molta confusione su questo argomento.

1. La reincarnazione è un concetto della spiritualità orientale, e afferma che lo spirito deve dissociarsi dal corpo materiale in cui si trova.

220px-reincarnation_asAnche se ci sono molte variazioni sulla credenza nella reincarnazione, possiamo definirla come la “dottrina in cui l’anima dell’uomo passa attraverso diversi corpi sino alla liberazione da ogni legame con la materia”. La reincarnazione è una credenza di origine orientale, diffusa nell’ambiente della New Age con qualche ritocco di occidentalizzazione che è diventata di moda, anche tra i cristiani che si sono allontanati dalla loro fede. Questa concezione del bilancio delle anime,che dopo la morte, si reincarnano in un altro corpo, e sono condannate a ritornare in questa vita per pagare per il male che hanno fatto in passato (induismo) o per migliorare la vita dopo la vita (spiritismo).

La versione che si diffonde di più in Occidente,a partire dalla metà dell’Ottocento, grazie alla letteratura spiritista e gnostica, è molto più seducente, perché elimina il lato più duro e negativo (punizione nelle vite future), per puntare i riflettori su un piano egocentrico di auto-realizzazione,di maturità spirituale , l’evoluzione, e l’accumulo di esperienze. E nelle maggior parte delle versioni psicoanalitiche (S. Grof, T. Dethlefsen, B. Weiss),per spiegare facilmente tutti i mali della vita come conseguenze dei problemi nelle vite precedenti.

Non vi è dubbio che le dottrine della reincarnazione vogliono dare una risposta ai problemi esistenziali come l’origine del male, la sofferenza, l’esistenza di disuguaglianze, il senso della giustizia oltre la morte … ma negano l’amore di Dio, la salvezza, il perdono di Dio, e non si assumono il libero arbitrio, ma sono dottrine fataliste ,in cui il destino è guidato da una legge inesorabile dove ognuno è solo nelle mani di se stesso.

Attualmente vi è un sacco di confusione e ignoranza a causa della valanga di libri di film “auto-aiuto”, soap opera e serie televisive che trasmettono queste dottrine come  prove scientifiche. Alcuni promotori dello spiritismo, della parapsicologia e dell’esoterismo di auto-aiuto hanno diffuso idee molto sbagliate sul tema.

E ‘comprensibile che se uno è buddista, o aderisce alle credenze dell’induismo,deve essere coerente con il  credere nella reincarnazione. Come dovrebbe essere ovvio che un cristiano crede nella risurrezione, non  nella reincarnazione.

Il problema è che molti cristiani che non conoscono a fondo la propria fede hanno assunto una valanga di dottrine estranee alla loro vera fede ed inconciliabili con essa. Sono stati culturalmente influenzati da credenze spiritistiche, teosofiche, antroposofiche, esoteriche e gnostiche, in particolare quelle promosse dalla letteratura “New Age”. La credenza nella reincarnazione, nella sua versione occidentale, è anche ripresa e diffusa dai movimenti “contattisti”  che predicano di essere in contatto con gli extraterrestri.

2. Questa convinzione è contraria alla dottrina e alla tradizione cristiana e del tutto incompatibile con la fede nella risurrezione attestata nella Bibbia e la fede in Gesù Cristo come Salvatore.

Per la fede cristiana, l’essere umano ha una identità unica, corpo e anima, e non LA LEGGE DEL KARMA dove non vi  è il perdono di un Dio che salva. Gesù stesso dice al ladrone sulla croce: “Oggi sarai con Me in paradiso” (Lc 23,39), così troviamo qui un ladro senza karma e senza reincarnazione,un uomo pentito per i suoi errori che riconosce che Cristo è il Dio che salva,e così  raggiunge  la mèta ,la realizzazione della Gioia e della Pace eterna in Cristo .

I cristiani da sempre credono nell’amore di un Dio che salva e perdona : non in una legge fredda e universale di causa ed effetto,come è appunto il karma. Inoltre,secondo la vera antropologia cristiana, la reincarnazione banalizza la morte, il corpo e l’identità, trasformandoli in semplici realtà accidentali.

Ma la Bibbia è chiara per chi crede nella rivelazione ebraico-cristiana:

“Molti di quelli che dormono nella polvere della terra si risveglieranno: gli uni alla vita eterna, gli altri per la vergogna e l’orrore eterno. I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento, e quelli che hanno insegnato a molti la giustizia risplenderanno come le stelle per tutta l’eternità “(Daniele 12,2-3)

Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio,nessun tormento le toccherà.Agli occhi degli stolti parve che morissero;la loro fine fu ritenuta una sciagura,la loro dipartita da noi una rovina,ma essi sono nella pace.“.(Sapienza, 3,1-3)

Nelle loro prove i martiri Maccabei confessano:« Il Re del mondo, dopo che saremo morti per le sue leggi, ci risusciterà a vita nuova ed eterna » (2 Mac 7,9). « È bello morire a causa degli uomini, per attendere da Dio l’adempimento delle speranze di essere da lui di nuovo risuscitati » (2 Mac 7,14)

“E ‘stabilito che l’uomo muoia una sola volta, e dopo questo c’è il giudizio …” (Eb. 9:27)

San Paolo afferma che se Cristo è risorto dai morti , tutti saranno risuscitati, e la fede cristiana è fondata nella risurrezione di Cristo. (1 Cor 15). E mentre leggete questo capitolo della prima lettera ai Corinzi, è chiaro che la nostra risurrezione è come quella di Gesù Cristo, per cui vi è una vita nuova e definitiva , non  una passeggiata in corpi diversi.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna:

“Nella morte, Dio chiama l’uomo a Sè. Perciò il cristiano può affrontare la propria morte con serenità e con un desiderio simile a quello di San Paolo: “desidero di partire e di essere con Cristo” (Fil 1,23) …

La morte è la fine del pellegrinaggio terreno dell’uomo, del tempo di grazia e di misericordia che Dio gli offre per la sua vita terrena nel piano di Dio e per decidere il suo destino ultimo. Quando è finalmente compiuto “l’unico corso della nostra vita terrena”, non vi sono più  altre vite terrene. E ‘stabilito che l’uomo muoia una sola volta (Eb 9:27). Non c’è “reincarnazione” dopo la morte” http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p123a11_it.htm

RESURREZIONE CRISTO“Noi fermamente crediamo e fermamente speriamo che, come Cristo è veramente risorto dai morti e vive per sempre, così pure i giusti, dopo la loro morte, vivranno per sempre con Cristo risorto, e che Egli li risusciterà nell’ultimo giorno. Come la Sua, anche la nostra risurrezione sarà opera della Santissima Trinità:

« Se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi » (Rm 8,11).

 

3. La Parola di Dio insegna che questa è l’unica vita terrena decisiva e il destino dell’uomo è deciso irrevocabilmente in questa vita.

Inoltre, la credenza nella reincarnazione nega anche il bisogno di salvezza, dal momento che ognuno si salva, su un percorso di miglioramento individuale di causa ed effetto.Invece, nella fede cristiana crediamo che siamo salvati gratuitamente da Dio, che Gesù Cristo portò i nostri peccati e ci dà il suo perdono e la vita eterna.

Per la fede cristiana,OGNI ESSERE UMANO ha una storia unica di fronte a Dio, perché Dio lo ha creato e amato come unico e irripetibile.

La manifestazione gloriosa di Gesù Cristo alla fine dei tempi è il punto di compimento della nostra storia, per la nostra fede non c’è “un ciclo infinito di storie”.

La reincarnazione si scontra con le credenze fondamentali della fede cristiana .Credere nella risurrezione dei morti è stato un elemento essenziale della fede cristiana fin dalle sue origini. « Fiducia christianorum resurrectio mortuorum; illam credentes, sumus – La risurrezione dei morti è la fede dei cristiani: credendo in essa siamo tali »(Tertulliano).

4. Né la reincarnazione è così antica come si suol dire, né si trova nella maggior parte delle religioni, né ha base scientifica, e tanto meno ha a che fare con la Bibbia.

Ci sono molte idee false diffuse circa la possibile compatibilità tra la dottrina cristiana  e la reincarnazione.E’ opportuno ricordare che tale credenza è apparsa in Occidente intorno alla metà dell’Ottocento NEI CIRCOLI OCCULTISTI (C. Flammarion e L. Figuier); all’incirca nello stesso periodo in cui accadeva che alcuni “filosofi” moderni credevano di aver capito tutto delle Upanishad indú per il solo fatto che qualcuno gliene aveva parlato in qualche salotto erudito di un piccolo paese della Germania (Schopenhauer); tanto che addirittura ci furono alcuni, anche dopo l’Ottocento (e pare che ce ne siano ancora), che, forti della loro supposta comprensione, pretesero di spiegare agli stessi Indú il vero significato dei loro testi sapienziali, convinti come erano (e sono) della loro “onniscienza”.

Alcuni dicono che la Chiesa cattolica ha cancellato alcune citazioni dalla Bibbia che parlavano della reincarnazione, soprattutto al Concilio di Nicea. Questo è falso, perché mai nella fede ebraica o cristiana è mai esistita la teoria della reincarnazione.

Inoltre molti hanno brandito come argomento quello secondo cui il teologo cristiano Origene credesse nella reincarnazione. Ma non è vero, perché Origene credeva che le anime pre-esistevano ai corpi, non per essere reincarnate. E la dottrina della pre-esistenza delle anime è stata anche condannata dai Padri della Chiesa.

Spiritisti e medium dicono anche che la reincarnazione è la più antica e la più universale convinzione,ma non è vero, perché nei testi dell’Induismo compare solo dal secolo VII a.C. e non nei Veda, che sono più vecchi; non è supportata nelle antiche religioni cinesi (Taoismo e Confucianesimo), o nell’ antica religione egiziana, anche se il libro dei morti ha alcune  menzioni della metempsicosi, ma non è la stessa cosa : la metempsicosi  è la “trasmigrazione delle anime”, è relativa ad un antico insegnamento che assegna alle anime un destino post-mortem legato alla condotta terrena. Basti pensare alla mummificazione dei corpi dei defunti: gli Egiziani credevano che vi fosse un’altra vita dopo la morte e che solo conservando intatto il corpo fosse possibile accedervi.

Né i persiani, né il popolo africano hanno mai concepito questa idea della reincarnazione . Negli antichi greci non ci sono idee della reincarnazione; viene attribuita a Pitagora  e ne parla poeticamente Platone,ma essi furono influenzati dalle tarde dottrine dello gnosticismo. Ma l’antico poeta greco Omero, nonostante trasmetta le idee del suo tempo sulla sopravvivenza delle anime, nelle sue opere non riporta nessun testo allusivo alla reincarnazione.

Molti spiritisti e medium usano citazioni bibliche estrapolate dal contesto per attribuire il ritorno alla vita di Elia o Giovanni il Battista, alla reincarnazione, quando in realtà il testo biblico non si riferisce mai a un’idea del genere.

Altri autori dicono anche che vi è evidenza scientifica della reincarnazione in base alla “terapia della vita passata , ” come afferma il Dr. Brian Weiss, ma in realtà  queste sono solo teorie non scientifiche, mentre molti sono esperti nel diffondere “un insieme di assurdità” scritte in un modo molto convincente per attirare il plauso generale del pubblico. Una corrente senza base scientifica diffusa che si basa sulla  “regressione a  vite precedenti” è la psicologia transpersonale di Stanislav Grof, che ha usato l’LSD e poi  la respirazione olotropica per regressioni e, ovviamente, i risultati sono stati tutti i tipi di allucinazioni. Il Dr. Kurt Koch, in più di 103 casi investigati per 15 anni, ha riscontrato gravi disturbi psicologici e danni di coloro che si sottopongono a questi “viaggi” di vite passate.

Trad. dell’articolo del Prof MIGUEL PASTORINO del RIES Red Iberoamericana de estudios de las Sectas

Dorothy Murdock,la ‘profetessa Acharya’ che diceva che Gesù è un mito

31e4e4bb059855efb419a98e706d0859La profetessa occultista anticristiana Dorothy Murdock ,che ha passato tutta la vita a combattere contro il Cristianesimo, spacciandosi per egittologa e quant’altro, si è spenta proprio il 25 dicembre 2015 ,ironia del destino. Così si può definire la sorte di Dorothy Murdock, conosciuta con lo pseudonimo di Acharya S., scrittrice nota in America per essere stata una delle più note SOSTENITRICI DELLA TEORIA DEL “MITO DI GESU'” (sulle sue false teorie antistoriche si basa anche il noto VIDEO ZEITGEIST ,un video di bufale anticristiane smontate da tutti gli storici ed archeologi internazionali ) ,era convinta che massoni pagani ed ebrei del primo e secondo secolo avessero inventato il racconto di Gesù e dei suoi discepoli, creando un collage con tutte le altre religioni del mondo, in combinazione con l’astrologia.

La Murdock soffriva di cancro al seno ed è morta, coincidenza vuole, proprio lo scorso 25 dicembre 2015, anniversario (storico, non mitologico) della nascita di quel Gesù che ha tanto combattuto durante la sua vita. Si è battuta come un leone per affermare le sue verità, venendo ignorata dalla comunità scientifica di cui avrebbe voluto far parte. Ma non aveva né titoli, né credenziali accademiche a parte una (normale) laurea in Civilizzazione classica e greca, il suo libro più famoso si intitola The Christ Conspiracy (Adventures Unlimited Press 1999).

Forse l’unico studioso di livello che ha impiegato del tempo per risponderle è stato l’agnostico Bart D. Ehrman, che ha scritto: «il libro di Acharya S. è il sogno del cospiratore senza fiato. Tutti gli argomenti avanzati sono infatti sbagliati», il suo lavoro «è pieno di così tanti errori e affermazioni stravaganti che è difficile credere che l’autrice potesse essere seria mentre scriveva, non si dovrebbe essere sorpresi dal fatto che il suo parere non venga considerato dagli studiosi veri o citato da esperti del settore». Anche Michael K. Licona, docente di teologia presso la Houston Baptist University e noto studioso di Nuovo Testamento, ha dato attenzione alle tesi della Murdok, pubblicando un lungo articolo di confutazione dei suoi argomenti.

Tralasciamo la tesi secondo cui i dodici apostoli sarebbero stati inventati seguendo le costellazioni dello zodiaco e legate all’era dei Pesci (il simbolo del cristianesimo è il pesce), basterà citare la risposta di Noel Swerdlow, docente di Astronomia e astrofisica presso l’Università di Chicago, specialista nell’astronomia dell’antichità: «ciò che questa donna sta sostenendo è così stravagante che non vale la pena rispondere. Le moderne idee circa l’età dei Pesci o dell’Acquario sono basate sulla posizione dell’equinozio di primavera nelle regioni delle stelle di queste costellazioni, ma tali regioni, i confini tra quelle costellazioni, sono una convenzione completamente moderna dell’International Astronomical Union allo scopo di mappatura. Quando questa donna dice che il pesce cristiano era un simbolo dell’era dei Pesci sta dicendo qualcosa che nessuno avrebbe mai pensato di dire nell’antichità perché si tratta interamente di un’idea moderna, nata del ventesimo secolo» (N. Swerdlow, corrispondenza e-mail con M. Licona del 19/09/01).

Più interessante, invece, la replica del prof. Licona alla tesi di Acharya S. sul Gesù come mito preso in prestito da altre religioni pre-cristiane, in particolare il parallelismo viene fatto con Krishna, una divinità induista, che la miticista sostiene essere morto crocifisso come Gesù. Il teologo americano ha contattato Edwin Bryant, docente di Induismo presso la Rutgers University, traduttore in lingua inglese del Bhagavata-Purana, uno dei testi sacri dell’induismo dove a lungo si parla di Krishna, e autore del libro Krishna: The Beautiful Legend of God, il quale ha risposto: «E’ assolutamente senza senso. Non esiste assolutamente alcuna menzione da nessuna parte in cui si allude ad una crocifissione di Krishna», aggiungendo che le fonti parlano della morte tramite una freccia scagliata accidentalmente da un cacciatore. La divinità è morta e ascesa al cielo, ma non era una resurrezione (E. Bryant, conversazione telefonica con M. Licona del 06/09/01). Acharya S. sostiene che altri dei indù siano morti crocifissi come Gesù, ad esempio Vishnu. Il prof. Bryant ha risposto: «Questa donna non sa di cosa sta parlando! Vishnu era una forma di Krishna adorata nello stato del Maharashtra, non ci sono assolutamente dèi indiani ritratti come crocifissi. Prima di fare queste dichiarazioni dovrebbe leggere almeno un corso di religione indù!».

Ma ogni tesi complottista, lo sappiamo, si basa sempre su uno spicchio di verità. Infatti, dei 24 elementi in comune tra Krishna a Gesù che la signora Dorothy Murdock ha elencato nel corso della sua carriera da scrittrice, 14 sono sbagliati e uno è parzialmente errato. Esistono quindi almeno 9 elementi biografici che sembrano in comune: la nascita da una vergine (1) segnalata da una stella (2), celebrata da esseri celesti e vaccari (3), la persecuzione da parte di un tiranno che ha ucciso migliaia di bambini (un parallelo di Erode) (4), ha guarito molte persone tramite miracoli (5), ha insegnato (non tramite parabole)(6) e ha favorito i poveri (7), ha criticato i branhamiti che non lo hanno riconosciuto (8), ed è asceso al cielo (ma non risorto) (9).

L’agnostico e razionalista indiano Benjamin Walker, nel suo libro The Hindu World: An Encyclopedic Survey of Hinduism, ha fornito la risposta, dopo aver tracciato queste analogie: «non c’è alcun dubbio sul fatto che gli indù hanno preso in prestito i racconti dal cristianesimo, tralasciando il nome di Gesù» (B. Walker, The Hindu World: An Encyclopedic Survey of Hinduism, Vol.1, Praeger 1983, pp. 240-241).

Effettivamente le notizie sulla leggendaria divinità Krishna (le cui fonti più antiche risalgono a 2500 anni dopo la sua presunta esistenza) derivano dai testi Bhagavata Purana e il Harivamsa. Rispetto al primo, gli studiosi (tra cui Bryant) lo ritengono composto nel VII secolo d.C. (altri inveceparlano del IX e X secolo), in ogni caso certamente centinaia di anni dopo la stesura dei racconti evangelici. Più incertezza invece rispetto alHarivamsa, il prof. Bryant ha comunque sostenuto che la maggior parte delle fonti sembrano indicare la sua composizione tra il IV e il VI secolo d.C., mentre David Mason, direttore di Asian Studies presso l’Università del Wisconsin, ritiene possa risalire al II secolo d.C. (D. Mason, email a M. Licona del 06/11/01), lo stesso affermano Ravi M. Gupta e Kenneth R. Valpe in The Bhagavata Purana: Sacred Text and Living Tradition (Columbia University Press 2013, p.92). In ogni caso sicuramente dopo i Vangeli, quindi se non si tratta di coincidenza si tratta di plagio degli autori dei testi indù nei confronti dei testi cristiani (come d’altra parte sembra sia avvenuto anche per il Corano).

Oltre a Krishna, la signora Murdock ha sostenuto similitudini anche tra Gesù e il Buddha, accusando il cristianesimo di aver copiato anche il buddismo. Nel suo libro The Christ Conspiracy (pag. 109,110), ha elencato 18 presunte similitudini che il prof. Licona ha inviato a Chun-Fang Yu, storica del buddhismo e professore emerito di Chinese Buddhist Studies presso la Columbia University. La risposta è stata: «nessuna delle diciotto similitudini è corretta, soltanto alcune hanno qualche parvenza di correttezza ma sono gravemente distorte. Questa donna è totalmente ignorante sul Buddismo, è molto pericoloso diffondere tale disinformazione e, per quanto mi riguarda, eviterei di impegnarmi in una discussione con lei, senza che prima questa donna abbia seguito un corso base sulla religione buddhista».

La Murdock (alias Acharya S) ha avanzato tante altre tesi, come l’inesistenza di Paolo di Tarso, la datazione dei Vangeli al 150 d.C., la falsità del martirio dei primi cristiani, le convinzioni cristiane di Adolf Hitler alla base del genocidio degli ebrei ecc. Insomma, una sorta di Corrado Augias all’americana. Significativo che perfino il miticista con più titoli accademici, Robert Price (ovvero teologo e docente di critica biblica presso il Center for Inquiry Institute, una sorta di associazione di scettici americani, come il CICAP italiano), ha rifiutato tutte le sue tesi, scrivendo: «”The Christ Conspiracy” è un contenitore di eccentricità riciclate, buttate lì a casaccio, poche di esse meritano considerazione, la maggior parte sono pericolosamente traballanti, quasi tutte sono completamente folli» (R. Price, Free Inquiry, Summer 2001, pp. 66-67).

La scrittrice americana ha scritto che la ragione per cui è stata ignorata dagli studiosi è perché i suoi «argomenti sono troppo intelligenti e pericolosi, sono stati soppressi perché senza dubbio risultano inconfutabili» (The Christ Conspiracy, pag. 21). E’ quello che ripetono anche i complottisti dello sbarco sulla Luna o di coloro che “sanno” che Elvis Presley è ancora vivo. La signora Murdock ha fatto la sua vita, ha combattuto la sua insensata battaglia intellettuale ed è andata male, molto male. Il Signore l’ha chiamata a sé il 25 dicembre 2015, ora finalmente saprà qualcosa di più anche della Sua storia terrena.

articolo tratto da UCCR

Sacerdote esorcista: “i messaggi di MDM aprono alla possessione diabolica”

11027467_464382563708947_5569093412072605544_n

PADRE JOHN ABBERTON E’ SACERDOTE ESORCISTA nella diocesi di Heckmondwike, West Yorkshire, Regno Unito.

“Sono un sacerdote esorcista nella Chiesa cattolica con 15 anni di esperienza. Ho il permesso di condividere queste  testimonianze di esorcismi da me compiuti, lo faccio affinchè altri non si espongano ai pericoli ed agli inganni della falsissima e perversa falsa veggente, sedicente Maria Divina Misericordia….abbreviata nella sigla MDM, che fa girare da anni sul web dei presunti “messaggi da Gesù all’umanità, l’Avvertimento”, correlati ad una fitta rete di marketing dei suoi libri, come ‘Il libro della Verità’ (solo lei detiene la verità…)…

(per approfondire, leggere attentamente il nostro dossier: 

https://noalsatanismo.wordpress.com/2016/04/25/i-falsi-messaggi-di-gesu-allumanita-di-mdmuna-setta-apocalittica-new-age/)

I cosiddetti “messaggi” di Maria Divina Misericordia sono di origine diabolica!  Ultimamente ho cercato di aiutare una signora che era solita leggere questi messaggi falsi DA ANNI… Questa signora è stata posseduta da molti demoni. Non posso dire quanti. Ho avuto molte sessioni con lei, in presenza di un altro sacerdote e diversi laici che sono testimoni di quello che ho da dire.

Questa persona è venuta da me subito dopo che aveva smesso di leggere quei falsi messaggi. La ragione che l’aveva indotta a smettere di leggere quei messaggi era che si sentiva “SPIRITUALMENTE MORTA” a dispetto di quello che invece promettono quei messaggi  e le preghiere raccomandate dai messaggi e si rese conto che non stava crescendo nella fede! Si sentiva infelice di questo e stranamente a disagio.

Non appena ha smesso di seguire quei messaggi è stata attaccata da un demone. Si sentiva la sua presenza e poi si rese conto che aveva bisogno di aiuto.

In una sessione di esorcismo, ho pregato in particolare contro gli spiriti che erano entrati in lei attraverso Maria Divina Misericordia. Dopo questo mio comando NEL NOME DI GESU’ CRISTO, la povera donna ha cominciato a toccarsi in modo lascivo, poi è stata come SCARAVENTATA SUL PAVIMENTO da una forza che la spingeva contro la sua volontà, si rigirava su se stessa come fosse un birillo e ha iniziato a gridare. Mentre mi inginocchiai accanto a lei, ho pregato contro lo spirito di Jezebel – uno spirito associato alla falsa profezia. Quando ho fatto questo, gli occhi della donna lampeggiavano e mi fissarono dritto verso di me con uno sguardo di rabbia incontenibile. Abbiamo avuto bisogno di molte sessioni di esorcismi.

Trust pope francis
PADRE JOHN ABBERTON NELLA SUA CHIESA mostra la scritta:”STAI SERENO E ABBI FIDUCIA IN PAPA FRANCESCO!”

A un certo punto ha vomitato qualcosa di “grosso” …. li per lì è stata male…Ma quando ritornò a casa, mi telefonò e mi disse:  “ORA SONO FELICE DI PAPA FRANCESCO! mi sento riconciliata con Dio e ho ritrovato la Pace!”. Quella donna ora è completamente guarita.

Mi ha autorizzato a raccontare quanto le è accaduto.  Mentre stava leggendo questi “messaggi” di Maria divina misericordia, ha dipinto un quadro che credeva fosse  ‘ispirato da dio’…  Lei lo appese in camera da letto del suo figlio piccolo. Dopo questo fatto, il ragazzo è stato disturbato ogni notte. I disturbi si sono fermati quando la donna strappò il disegno e lo bruciò. Dopo di allora, il bambino ha ripreso a stare bene ed a dormire profondamente.

Questi e molti altri fatti di cui sono testimone  sono la prova conclusiva per me che i “messaggi” di Maria Divina Misericordia sono ispirati da satana.

demonic-sea2l1Questa signora è una delle quattro persone che mi hanno contattato perché avevano problemi spirituali attraverso la lettura di questi cosiddetti messaggi. Un’altra persona mi ha detto che aveva bisogno del mio aiuto perché “si era sentita male” dopo aver pregato più volte il cosiddetto “SIGILLO DEL DIO VIVENTE, diffuso da Maria divina misericordia….un altro ancora mi ha detto che era stato “attaccato” quando ha deciso di smettere di leggere i messaggi.

Ci sono altre indicazioni relative a questi cosiddetti “messaggi” che devono essere conosciute. Prima di tutto, dove i demoni sono coinvolti nella promozione di falso misticismo, false visioni e locuzioni, è possibile che ci possa essere IL COINVOLGIMENTO DI PIU’ DEMONI. Demoni che lavorano insieme assumono compiti diversi. SONO DEMONI CHE INCORAGGIANO LA DIPENDENZA DA QUEI MESSAGGI …La presenza o l’attività di un tale demone potrebbe essere una delle ragioni per cui così tanti sembrano incapaci di liberarsi da queste cose. Ci può essere anche uno spirito di rabbia presente che potrebbe spiegare perché alcuni aderenti a quei messaggi di Maria Divina Misericordia  si arrabbiano violentemente se qualcuno cerca di far loro capire l’inganno in cui sono caduti! 

Nel giudicare inganni gravi come questo, è importante essere rigorosi. Molte persone, quando vengono consigliate a non seguire piu’ quei messaggi perchè sono demoniaci, reagiscono dicendo cose del tipo: “Ma ci viene detto di dire il Rosario. Sicuramente questo non può essere sbagliato o demoniaco”. MA IL DEMONIO PUO ‘ANCHE DIRE DI PREGARE IL ROSARIO, MESCOLANDO PREGHIERE CATTOLICHE A FALSO MISTICISMO , QUANDO VUOLE CONFONDERE I FEDELI PER PROPAGANDARE LE SUE CALUNNIE, MASCHERANDOLE DA ‘FEDE CRISTIANA’, PER ESEMPIO: Molte persone non si rendono conto che, dopo che Santa Bernadette vide veramente  la Madonna a Lourdes , vi fu un numero considerevole di altre apparizioni (falsissime) segnalate nella grotta di Massabielle da altre ragazze!  Nessuna delle altre ‘apparizioni’ è stata mai accettata dalla Chiesa cattolica come vera e propria, perchè i ‘messaggi’ erano contrari alla vera Dottrina evangelica.  INVECE SANTA BERNADETTE ERA VERAMENTE ISPIRATA DALLA SANTA VERGINE MARIA e S. Bernadette lo ha dimostrato anche con la sua umiltà ed obbedienza al Papa ed alla Santa Chiesa cattolica.  

I falsi messaggi e le apparizioni di “Nostra Signora del Monte Carmelo del Volto Santo”, che hanno avuto origine in Spagna, insieme ad altri cosiddetti eventi falsi mistici, sono stati accompagnati da RICHIESTE DI RECITA DEL ROSARIO, ma dove la menzogna demoniaca è alla radice di queste richieste, QUESTI ROSARI SONO CARENTI, DAL MOMENTO CHE SONO RICHIESTI DALLE INTENZIONI DEI DEMONI, NON DALLA VOLONTA’ DI DIO ! 

Dio guarda il cuore delle anime e sarà sempre misericordioso verso coloro che sono stati intrappolati nella menzogna diabolica non per colpa loro; ma è importante sapere che LA PREGHIERA DEVE ESSERE OFFERTA SECONDO LA VOLONTA’ DI DIO, ALTRIMENTI DIFFICILMENTE SARA’ VERA PREGHIERA, SE ISPIRATA DALLA VOLONTA’ DI  ‘QUALCUN’ALTRO’….. Deve venire dal cuore, e la mente ha bisogno di essere informata ed in linea con gli insegnamenti della Chiesa. Dove c’è una ricerca onesta della verità e il desiderio di pregare, Dio agirà secondo la Sua misericordia, ma dobbiamo chiarire che L’AUTENTICITA’ DI FEMONEMI MISTICI NON SI BASA sulla richiesta di pregare il Rosario e sull’Adorazione anche eucaristica, come una sorta di autenticazione, ciò non è sufficiente .

Tradizionalmente guardiamo i frutti, e secondo la Sacra Scrittura questi si vedranno soprattutto nella vita quotidiana e nel modo in cui trattiamo l’un l’altro. Molte persone apparentemente trascorrono molte ore in preghiera, ma sono mentalmente disturbati e possono essere classificati come affetti da “MANIA RELIGIOSA”. Noi non sappiamo come Dio giudica tale preghiera. Certi falsi mistici chiamano alla preghiera ossessiva …La vera preghiera deve essere preghiera in unione con la Volontà di Dio, che è sempre fondata nella vita della Chiesa cattolica , che è in unione con il Papa ed il Magistero e secondo gli insegnamenti della Scrittura e della Tradizione millenaria della Chiesa cattolica, che è eterna!  Quando non partiamo da queste fondamenta, siamo aperti all’ inganno diabolico ed alla confusione.

Nella vita spirituale ci deve essere sempre equilibrio. Non possiamo concentrarci troppo su eventi mistici (non approvati dalla Chiesa) o esperienze o opinioni , e non dovremmo mai ascoltare “profeti di sventura”.

I messaggi che vengono da Dio portano sempre un senso di pace, anche se i messaggi sono molto gravi. Continua l’agitazione e l’ansia , allora non è un buon segno. Inoltre, alcune persone che pensano di sapere meglio degli altri (dicono di sapere di più sul presunto futuro per esempio) possono rapidamente diventare arroganti e prepotenti.

Dobbiamo sempre ricordare che la cosa più importante per la vita spirituale è quella di cercare la volontà di Dio nella nostra vita quotidiana. E’ sbagliato stare continuamente a pensare a quello che “potrebbe” accadere, quando Dio ci chiama ad affrontare problemi quotidiani ,a migliorare noi stessi e  le nostre esigenze sotto il nostro naso!  C’è il pericolo che concentrarsi sui cosiddetti “messaggi” diventi una FUGA DALLE RESPONSABILITA’ e problemi che non siamo disposti ad affrontare.

Uno degli aspetti di questo tipo di situazione in cui la gente diventa troppo facilmente manipolabile dai cosiddetti “messaggi” di cui non si conosce la esatta provenienza, ma vengono spacciati per veri, è una mancanza di conoscenza della Sacra Scrittura. Per fare un esempio, la menzione di un regno millenario di Cristo nel Libro della Rivelazione. Il numero 1.000 in teologia ebraica è il simbolo della “divinità” e quindi non dovrebbe essere preso alla lettera. Infatti il Magistero ha dichiarato il Millenarismo un’eresia.

Alcune persone che affermano di avere visioni o “sentire” locuzioni sono malati di mente. Altri sono abbastanza sani di mente, ma hanno una forte immaginazione,  a causa di stress, ansia, attacchi di panico, malattia o confusione o inganno, soprattutto se ‘qualcun’ altro’  li coinvolge in questa spinta emotiva con propagande martellanti. Il peggiore dei casi, come questo di MDM, è quello in cui  qualcuno deliberatamente crea una visione falsa o un ‘messaggio mistico’ sia per il gusto di arricchirsi  sia per ottenere una qualche forma contorta di fama. Questo inganno crea un GRANDE PERICOLO SPIRITUALE, perchè la ricerca di fama e potere, attraverso la diffusione di ‘messaggi falsamente mistici’, attira molti demoni. 

chiesa cattolica sant'agostinoCi sono indubbiamente VERI MISTICI e profeti nel mondo. Di solito però hanno BUONI DIRETTORI SPIRITUALI che presentano all’AUTORITA’ DELLA CHIESA e ad Essa obbediscono. Discernere queste cose non è mai facile e, a volte, si commettono degli errori, ma quando vediamo seri problemi teologici, disobbedienza all’Autorità della Chiesa, profezie apocalittiche  e spirito di rabbia o caparbietà possiamo essere sicuri che qualcosa è seriamente sbagliato. In casi del genere è più saggio allontanarsi piuttosto che continuare la lettura o sostenere la presunta mistica o mistico, incorrendo nell’errore di venerarli al posto di Cristo, che è Vero Dio, è lo Sposo mistico della Chiesa cattolica, Cristo ama la Sua Chiesa e ci ha chiamati ad esserle fedeli, perchè Cristo ne garantisce l’infallibilità ed ha promesso di custodirLa in eterno”.

FONTE

https://jkhgadfly.wordpress.com/2015/05/08/exorcist-priest-testifies-maria-divine-mercy-cult-opens-door-to-demonic-possession/

I FALSI “MESSAGGI DI GESU’ ALL’UMANITA'” DI MDM: una setta apocalittica New Age

MARIA DIVINA MISERICORDIA LAVORA PER UNA SETTA MASSONICA. UNA TRUFFA CLAMOROSA

La sedicente MDM Maria Divina Misericordia è la falsa veggente, che dal 2010 diffonde sul web i “Messaggi di Gesù all’umanità:  l’Avvertimento The warning e la seconda venuta ” ,”Il libro della verità”(the Book of Truth); la sua identità è stata recentemente scoperta: è la furba imprenditrice irlandese di 58 anni Mary Mcgovern/Carberry , che dopo il fallimento della sua ditta di PR a Dublino, si è reinventata l’attività sul web di ‘profetessa antipapa Francesco’(attività molto remunerativa, dato che i suoi libri & gadgets vengono venduti in tutto il mondo), in realtà E’ UNA MEDIUM  ed ha sempre avuto contatti con altri medium ‘canalizzatori ‘New Age, appartiene a CHRISTIAN SCIENCE  (una branca della Società Teosofica, gruppo occultista, falsamente cristiano, il cui intento è quello di creare una “chiesa new age occultista mondiale” contro la Chiesa cattolica…), con cui ha organizzato conferenze in tutto il mondo per vendere i suoi libri, ma lei non si è MAI fatta vedere…

OUTING MARY CARBERRY
Libro dossier in inglese che rivela la vera storia e la vera identità di Mary Carberry,la falsa veggente Maria Divina Misericordia

Mary Carberry, nei suoi messaggi sul web, dice di essere “L’ULTIMO ANGELO DELL’APOCALISSE” e si autoproclama  DIVINA (molto modesta!) …Ma nel febbraio 2015 un’indagine del giornale IRISH MAIL e di molti blogger cattolici ha smascherato la sua vera identità ed ha pubblicato un dossier che ha rivelato la sua vera identità, i suoi loschi traffici ed i suoi veri mandanti. I suoi “messaggi” sono costruiti ‘ad arte’, secondo strategie di persuasione di marketing, per soggiogare le persone, allontanarle dalla Chiesa, incutere timore sull’imminente fine del mondo.

Dice ai cattolici di pregare il Rosario, ma poi istiga a pregare per la morte di Papa Francesco! MDM  HA UNA “MISSIONE”,  dare un «avvertimento» a tutta l’umanità: Papa Francesco sarebbe «il falso profeta, l’alleato dell’ Anticristo»…ovvio che tutti i seguaci di questa diabolica menzognera e falsa veggente li potete trovare su tutte le pagine Fb ed i siti tradizionalisti contro Papa Francesco!…. Mary Carberry è un’ abile truffatrice di mestiere! Lavorava pure nel giornalismo, e per lei è stato facile prendere le notizie scoop ed elucubrarci sopra, inventandosi che Benedetto XVI sarebbe stato ‘esiliato dal Vaticano’: una BUFALA, perchè Benedetto XVI vive ancora oggi in Vaticano come Papa emerito, si è dimesso a causa di gravi problemi di salute che gli impedivano di compiere quei necessari e difficili viaggi apostolici, che invece Papa Francesco sta compiendo oggi, ma Benedetto XVI nutre grande stima per Papa Francesco, a cui dimostra sempre adesione e affetto.

falso gesu'Attraverso quei messaggi, parla un falso Gesù Cristo la cui immagine è venerata da MDM, ( si tratta dell’immagine di GESU’ SANANDA MAYTREYA, considerato dai New agers uno dei tanti “maestri spirituali alieni “, non il Figlio di Dio come Gesù stesso ci ha rivelato nei Vangeli, ma una vaga entità superiore che ‘si collega a noi mediante spiritismo’ ) che lancia continue MINACCE contro tutti coloro che non seguono i suddetti ‘messaggi’ed invettive contro il Papa e la Chiesa.

Questo falso Cristo, come MDM stessa rivelò nell’introduzione di ‘The Book of Truth’,(il libro della Verità ) “si è collegato” con lei alle tre di notte, attraverso un’ immagine di Gesù Sananda che lei teneva sul comodino (questa immagine è stata disegnata da Nanette Johnson, seguace della New Age, ed è stata ESPOSTA A CHICAGO ed in altre località nel mondo, durante la promozione del ‘Libro della Verità’ nel 2013 , ovvero il libro che raccoglie i messaggi di MDM). La sua chiamata a ‘messaggera’ risalente al 9 novembre 2010 viene descritta da Mary Carberry come un’innaturale POSSESSIONE del suo corpo attraverso quell’immagine. Ha scritto sotto dettatura, in esatti 7 minuti, 745 parole. Ciò porta il dubbio della «SCRITTURA AUTOMATICA » conosciuta come PRATICA OCCULTA ED ESOTERICA. Quindi tutto ciò non ha nulla a che fare con il vero Signore Gesù Cristo e con la vera Parola di Dio, che ci mette in guardia da ogni tipo di pratica occultista, che è un abominio e un rinnegamento del vero Dio (Deuteronomio,18,10-12).

UN EX SEGUACE della falsa veggente MDM e DEI “MESSAGGI DA GESU’ CRISTO12799362_960775730676616_1693097662479673227_n ALL’UMANITA’ “HA SCRITTO:
“Questa irlandese, dice cose su Gesù, che sono state scritte tanto tempo fa, nei libri esoterici degli indù e dei massoni e teosofi, Gesù che non conosce il suo destino, che visse in Gran Bretagna e India….
Ora ho scoperto queste cose, posso affermare che le profezie di questa irlandese sono totalmente false. Nei messaggi di Maria divina Misericordia c’è un passo in cui dice che Gesù durante la sua giovinezza sarebbe stato ‘portato’ in viaggio astrale in India e in Inghilterra, un altro in cui si dice che Gesù nella fase iniziale della sua missione non sapeva che sarebbe morto in croce….”

SIMBOLI MASSONICI NEI TESTI di Maria Divina Misericordia alias Mary Carberry.

IL ‘SIGILLO DEL DIO VIVENTE ‘ Sigillum Dei Vivi: CON QUALE AUTORITA’ UNA SEDICENTE VEGGENTE AFFERMA DI ESSERE IN POSSESSO DEL ‘SIGILLO DI DIO’? OVVIAMENTE NON VIENE DA DIO!

MDM SERVA DELLA MASSONERIA Il Sigillo di Dio di MDM si basa sulle PRATICHE OCCULTISTE  DI JOHN DEE , che era l’indovino / astrologo/medium della regina Elisabetta I d’Inghilterra. Infatti la falsa veggente MDM dice nella sua pubblicità in rete “Il Sigillo del dio vivente vi renderà invisibili “..E’ UN TALISMANO caricato con operazioni magiche di spiritismo, quindi è contrario alla vera fede cristiana!

L’occultista John Dee avrebbe posto il suo ‘Sigillo di Dio o Sigillum Dei Vivi’ (SI CHIAMA CON LO STESSO NOME USATO DA MDM)  sotto la sua sfera di cristallo durante le sedute di spiritismo in cui affermava ‘di comunicare con gli angeli della Cabala” che NON SONO GLI ANGELI DI DIO ….ma spiriti evocati medianicamente.
Il Sigillum Emeth (Æmeth), conosciuto anche come Sigillum Dei è realizzato dall’alchimista John Dee, che ne ha aggiunto al nome la voce “Æmeth” ovvero “VERITA'”, uno dei 72 nomi delle entità nella tradizione cabalistica/occultista usata dalla New Age.
IL LIBRO DI MDM SI CHIAMA “LIBRO DELLA VERITA’….La preghiera “Il Sigillo di Dio” della falsa veggente MDM non nomina MAI Gesù Cristo, ma fa un voto o patto con un dio universale, un’entità non ben precisata….un dio che vuole essere adorato, che vuole ci si leghi a lui con questo ‘patto satanico’: è pensato per essere utilizzato come un incantesimo di ” protezione ” e di dominio sulle persone…

L’uso e la fede nei poteri o rituali magici, come il suddetto “sigillo di Dio” è una forma di spiritismo e di idolatria che è chiaramente condannata nel Catechismo della Chiesa cattolica 2117.

IL VERO SIGILLO DI DIO INDELEBILE E’ IL SACRAMENTO DEL BATTESIMO attraverso il quale ognuno di noi entra a far parte del Corpo mistico di Cristo, la Chiesa, E’ IL SIGILLO DELLO SPIRITO SANTO: ce lo dice San Paolo nella Lettera agli Efesini  1:13.Risultati immagini per bautismoCe lo ricorda anche il Catechismo della Chiesa cattolica: “QUESTO SIGILLO DELLO SPIRITO SANTO  segna l’appartenenza totale a Cristo, l’essere al Suo servizio per sempre, così come LA PROMESSA DI PROTEZIONE DIVINA nella grande prova escatologica ” (escatologia =fine del mondo,Giudizio universale) CCC # 1296.

Dunque, perchè i seguaci di MDM si affannano a cercare altri ‘sigilli’ che non vengono da Dio ma dal Nemico ?

amd-plain-200
GRADI DI LOGGIA MASSONICA:croce nella corona,con compasso e piramide rovesciata

Il sedicente “sigillo di dio” di MDM ha origini occulte e demoniache: John DEE usava il Sigillum Dei Vivi per controllare le persone e dominarle…

Infatti è accompagnato da UN ALTRO SIMBOLO MASSONICO IN COLORE ROSSO presente in tutte le intestazioni del ‘Sigillo di Dio’ di MDM
LA CROCE DENTRO LA CORONA,(SIMBOLO DEI ROSACROCE, LO STESSO SIMBOLO CHE RITROVIAMO NEI TESTI DEI TESTIMONI DI GEOVA, LA TORRE DI GUARDIA….E IN TUTTI I TESTI E SIGILLI MASSONICI, AFFIANCATO ANCHE DA UN TESCHIO E OSSA INCROCIATE, SIMBOLO DI RIBELLIONE ALLA CHIESA)…Il massone Ray V. Denslow afferma:
“LA CROCE DENTRO LA CORONA, IN COLORE ROSSO, è simbolo limitato ai gradi storici in Massoneria esemplificato nei vari ordini di York e riti scozzesi …” (Ray V. Denslow, Ritratti massonici, Operazioni di THS Missouri Lodge di Research, vol. # 29, p.7)

Si tratta di una chiara presa in giro della autorità divina della Chiesa cattolica.
La setta di questa falsa veggente schernisce anche la Sacra Scrittura con la sua medaglia che promette la salvezza solo indossando un pezzo di bigiotteria!
LA MADONNA, NELLA MEDAGLIA DI MDM, INDOSSA UNA CORONA DI SPINE: SAPPIAMO DA APOCALISSE CAPITOLO 12,1-2 , CHE IL CAPO DELLA SANTA VERGINE E’ ADORNATO DA UNA CORONA DI DODICI STELLE …
Le stelle, che adornano il capo della Madonna – figurativamente la Madre della Chiesa – rappresentano i Vescovi e il nostro Papa che sono i maestri legittimi della nostra Fede nominati da Gesù stesso ad essere successori degli Apostoli.

mdm-sigillum-deiI Massoni hanno una unica interpretazione blasfema del simbolo della Croce dentro la Corona :
“La ‘Croce’ in Massoneria è una croce filosofica, secondo Albert Pike, ‘ Morale e Dogma ‘, pag. 771. È filosofica nel senso che rappresenta l’unione tra il principio fecondatore maschile,(l’albero perpendicolare della croce), e la matrice femminile della natura, la riproduttrice, (l’albero orizzontale della croce).
Simbologia fallica applicata alla Croce di Cristo – Bestemmia!
I Massoni descrivono la ‘corona’ di questo emblema massonico, come la “prima emanazione del cabalistico Sephiroth …” [CF McQuaig, “Il Rapporto massonico”, Norcross, Georgia, Risposta libri e cassette, 1976, pag. 34]

Ribadendo il giudizio negativo della Chiesa cattolica in materia di adesione ad associazioni massoniche, il cardinale Joseph Ratzinger (papa emerito Benedetto XVI) ha dichiarato nel 1983 per conto della Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede …
” i loro principi sono stati sempre considerati inconciliabili con la dottrina della Chiesa e perciò l’iscrizione a esse rimane proibita.
I fedeli che appartengono alle associazioni massoniche sono in stato di peccato grave e non possono accedere alla Santa Comunione “.

blue-shL’altro gruppo massonico che usa l’emblema ‘croce dentro la corona’ è Christian Science (CRISTIANESIMO SCIENTISTA..,fede nelle medicine alternative New Age, nella magia e nello spiritismo). Questo gruppo è stato fondato da Mary Baker Eddy in Massachusetts ma il massone Henry Steele Olcott, che è stato co-fondatore della Società Teosofica con la medium Helena Petrovna Blavatsky, ‘”era un socio di Mary Baker Eddy.'” La famiglia Eddy teneva sedute spiritiche e fu in queste sedute che la medium Blavatsky incontrò il colonnello Henry Steele Olcott. ‘”
Mary Baker Eddy si era sposata con un massone e questo ha permesso agli altri membri di Christian Science di aderire alla Massoneria.” Lei aveva anche alcuni suoi materiali pubblicati nella Rivista mensile della Massoneria.”
Molte persone collegate con Christian Science, come amministratori e membri del consiglio e una serie di editori di The Christian Science Monitor erano massoni.

diabolici falsi messaggi MDMMary  Carberry e’ un membro di Christian Science
QUINDI MDM STA DIFFONDENDO UN FALSO CRISTIANESIMO, UN CRISTIANESIMO ESOTERICO …

Molti Vescovi hanno giudicato i «messaggi da Gesù Cristo all’umanità, l’Avvertimento » come eretici e scismatici e li hanno condannati apertamente. Ad esempio il Vescovo di Dublino, i vescovi di Gran Bretagna, i Vescovi d’America e dell’Australia e di Malta, la conferenza episcopale della Slovacchia ed il Vescovo Ausiliare Laun di Salisburgo (Austria), i vescovi di Singapore e molte altre conferenze episcopali  nel mondo anche in Italia, specialmente molti sacerdoti esorcisti che hanno ricevuto richieste di aiuto da persone che, dopo aver seguito quei messaggi per anni, sono state tormentate da ossessioni e vessazioni diaboliche. Chi crede a tali messaggi e «si divide» dal Papa, si scomunica da solo secondo i diritti della Chiesa (canone 1364,§ 1). Quindi chi riceve la Santa Comunione e poi crede a questi messaggi, non alla vera Parola di Gesù nei Vangeli, tramandataci fedelmente dai Padri della Chiesa, COMMETTE SACRILEGI EUCARISTICI.

Fonte

https://jkhgadfly.wordpress.com/2015/05/08/exorcist-priest-testifies-maria-divine-mercy-cult-opens-door-to-demonic-possession/